giovedì 15 marzo 2012

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEL CORPO

Sto leggendo questo libro di Anna Gugliemi, con i disegnini esplicativi, scritto in modo molto semplice ed elementare.
Leggero ed interessante.
Su certe cose sono rimasta a riflettere.
Soprattutto su quanto poco si riesca veramente a gestire le reazioni spontanee del proprio corpo, quelle che tradiscono realmente ciò che si pensa o si prova in determinate circostanze.
Dubito di poter mai raggiungere un controllo pieno della mia fisicità, ma già notare certi movimenti propri o altrui ed osservarli sotto una luce diversa è un bell'esercizio di comprensione.
La cosa divertente è che stamattina che ero in treno, mentre leggevo questo libro, ho fatto al volo un piccolo esperimento di osservazione sul modo di camminare della folla.
Ho atteso la fermata ad una delle stazioni più trafficate, e sbirciando fuori dal finestrino ho individuato subito i "tipi" descritti nel libro in base al passo ed all'atteggiamento complessivo del corpo.
E' stato strano, come affacciarsi per un attimo su un altro mondo, o sullo stesso mondo di sempre, ma con un livello di comprensione superiore. Come aprire uno squarcio nel velo dell'apparenza, penetrando in uno strato appena più profondo, quasi sotto pelle.
Mi sono chiesta in quale tipologia rientro io.
E non sono riuscita a darmi una risposta univoca.
Mi domando poi, fino a che punto imparare a controllare e misurare i messaggi che si inviano con il proprio corpo non possa degenerare in una chiara manipolazione della coscienza altrui.
E quanto e fino a che punto una cosa del genere sia lecita.



6 commenti:

Primo Ultimo ha detto...

Gran parte del successo di molti politici dipende da un certo tipo di gestualità. Ricordo il consiglio di Berlusconi dato ai suoi di scuotere sempre la testa quando parla un avversario politico.

ha detto...

il video fa morire! cmq ste cose che squarciano il velo dell'apparenza sono interessanti, ma pericolose, per il motivo che dici tu. e anche per un altro motivo, secondo me: sono una violenza che si fa su chi stiamo osservando.
[io mi rendo conto di questo quando faccio i profili astrologici della gente :)]

lasnues ha detto...

non se sia lecito...
ma è affascinante...
settimana scorsa un mio collega mi ha fatto notare quanto tenda a proteggermi mentre parlo visto che incrocio sempre le braccia davanti al petto...
ero alla ricerca di un libro simile...e domani andrò a comprarlo...
grazie per dritta...
:) !

pì ... mica lo sapevo che facevi i profili astrologici...ma che figata !

.come.fossi.acqua. ha detto...

primo, anche i politici però, nonostante la gestualità ostentata e pseudo manipolativa, vengono traditi dall'atteggiamento di braccia, mani e piedi ;-)

.come.fossi.acqua. ha detto...

pi, ma quanto cacchio è brava VIRGINIA???

la seguo dai tempi di victor victoria.

per il resto, boh... insomma, non è proprio una violenza, significa avere una comprensione superiore di chi ci sta davanti per entrarci in empatia.
altra cosa, davvero è la manipolazione.
quella si che potrebbe avere una punta di violenza.... o forse più che la violenza è l'approfittamento mascherato a darmi fastidio.
ecco, si, questo.

ma i profili astrologici che fai ci azzeccano sempre???

.come.fossi.acqua. ha detto...

las, è un libricino svelto, leggero e interessante. da leggere ovunque... ti dà un'infarinatura di certe cose.
e perchè no?
aiuta a cambiare prospettiva.
e cambiare prospettiva è sempre interessante ;-)