giovedì 19 aprile 2012

Are YOU still INTO it ?

La lontananza ci agevola.
Come pure questo folle parallelismo che durerà, nostro malgrado, vita natural durante.
Ho letto questo articolo, oggi, sull'anoressia sentimentale.
L'amoressia.
Mi sono chiesta se ne sono vittima, se quel disagio occulto, ultimamente, quella reticenza ostinata nell'avvicinarmi in modo più intimo ad un uomo possa tradursi così.
Se questo mio non dar seguito a certe attenzioni, che pure arrivano, non sia sintomo di un malessere del quale non sono perfettamente cosciente e nel quale forse mi sto crogiolando amaramente con un sorriso ebete sulle labbra.
Ma sembrano più essere i postumi di una sana abbuffata.
Sembrerebbe più essere sazietà.
Una sazietà a digiuno che sa di ridicolo e di inverosimile.
Una sazietà immaginaria, perchè la fame mi punge, quando mi capita di pensarci.
Ed accade sempre meno spesso.
Non più ogni maledettissimo giorno.
E tu questo non lo sai, ma lo immagini.
Ed è come saperlo.

2 commenti:

Primo Ultimo ha detto...

Io sono ormai perennemmenente affamato. Eppure ogni volta che provo a mangiare è un disastro.

.come.fossi.acqua. ha detto...

io non ci provo neppure, primo.
non mi va.
ho fame, ma mi scoccia di mangiare.
non mi piace quel che c'è nel piatto.
preferisco un po' di digiuno, ancora un po'.
a mangiare cose che non sono buone si rischia di rimanere intossicati! :)