giovedì 12 aprile 2012

PIOGGIA E SABBIA

Vorrei farti vedere quanto è bello il mare quando piove.
A questo pensavo, ieri, al volante dell'auto, con il mondo in bianco e nero a scorrimento rapido al di là del parabrezza.
Avrei voluto averti accanto, sul sedile del passeggero, solo per stringerti la mano.
Sentire il calore di quella protezione che mi manca.
Camminare sotto la pioggia, insieme.
E abbracciarci come se il resto del mondo non esistesse, non incidesse, non importasse.


Se me lo avessero detto in che cosa sarei incappata non ci avrei creduto.
A volte è vero che è solo una questione di prospettiva a dare un senso diverso alle cose.

4 commenti:

ginocchiaapunta ha detto...

che l'altra mattina io guidavo all'alba, a picco tra mare e pioggia.
e niente. hai ragione tu, su tutto.

.come.fossi.acqua. ha detto...

g.a.p., stiamo inguaiati, allora, tutti e due :))))

MichiVolo ha detto...

quel mare lo conosco anche io e tutto quello che si porta dietro :(

.come.fossi.acqua. ha detto...

michi, certi giorni è uno strazio guardare il mare...