martedì 3 aprile 2012

VIAGGIO NEL PASSATO

Non occorre attraversare varchi spazio-temporali per effettuare un viaggio nel passato.
Basta ricevere una mail con la quale ti comunicano che hai raggiunto l'80% dello spazio disponibile, inducendoti ad intraprendere un'opera immane di cancellazione.
Stamattina, tra una cosa e l'altra, quindi, mi sto dedicando un po' alla rilettura delle vecchie mail, per vedere quali tenere e quali no.
Comprese quelle scambiate con il mio ex.
O meglio, quelle a senso unico, o quasi, che gli mandavo io.
Quelle con proposte di viaggi, foto, conforto, baci, abbracci e pensieri cui raramente si degnava di rispondere.
Nella maggior parte dei casi, risposte estremamente brevi ed insignificanti.
Di fronte alle prove scritte non regge nulla, quel che leggo è di un'evidenza disarmante, che fa male.
E non riesco a rimproverarmi nulla.
Nulla.
Magari pecco di presunzione.
Brucerò all'inferno, se esiste, anche per questo.
Ma avrò sempre modo di usufruire, nel caso, di una dilazione nella esecuzione della pena perchè avranno l'imbarazzo della scelta del girone nel quale mandarmi.

6 commenti:

Primo Ultimo ha detto...

Anche a me è capitato di rileggere vecchie mail. Ed è proprio vero che non mentono... in quel caso ero io il tonto.

Anonimo ha detto...

ben venga l'inferno...
l'importante è averlo scampato in vita ...

;-) !


lasnues

.come.fossi.acqua. ha detto...

primo, i sentimenti "intontiscono", questo è certo :)

.come.fossi.acqua. ha detto...

las, proprio la parola inferno è quella che mi viene in mente quando penso a quel che è stato.

ho realizzato di meritare di meglio, nella vita, che questo.

comunque vada...

Clorofillla ha detto...

l'amore ci rende "ridicoli"...
beh, direi che è proprio arrivato il momento di cestinare quelle email e tenere solo il buono del nostro passato. fa male, ma ci vuole.

.come.fossi.acqua. ha detto...

clorofilla, io credo di essere stata estremamente fortunata in amore sinora.
nonostante certe cose, nonostante certe persone.
il bilancio è positivo.
ed è un peccato inguaiare un bilancio positivo per dare possibilità a chi le calpesta con noncuranza, salvo poi tornare a piangere regolarmente lacrime di coccodrillo.
penso di valere molto più dei pentimenti inutili di chi è inesorabilmente confinato nei propri limiti.
o ci si è esiliato con le proprie mani ;-)