martedì 7 maggio 2013

FRAGOLE E CIOCCOLATA NERA


La mia assenza ingiustificata, più che all'assenza di parole - le mie amatissime e dannatissime parole - è dovuta ad una serie di circostanze fortuite.
Prima tra tutte il fatto che non mi sia connessa dal pc personale, da un po' di giorni.
A scrivere ho scritto tanto altrove, però.
E dal letto, in particolare.
Luogo elettivo di mille pensieri.
Gli altri luoghi elettivi sono la macchina ed il motorino.
E quelle parole lì parzialmente le ho perse.
Prima o poi le ritroverò, ne sono convinta.
Oppure qualcuno le ritroverà per me.
Tipo Red.

Ho avuto un paio di incontri con un tipo, ultimamente.
L'ennesima cosa che non è riuscita a superare la fase dell'approccio e di quella immediatamente successiva.
Deludente.
Ma non tale da tagliarcisi le vene.

E un altro... un collega...
Mi ha appena estorto il numero.
Che poteva giocarsela meglio che così.
Che a me la nuova regolamentazione dei rapporti interpersonali a mezzo internet mica piace...
Di questo tipo di rapporti interpersonali.

Poi mi chiedono perchè sto sola...
Io non me lo chiedo più da un pezzo.

8 commenti:

red ha detto...

mi hai citato e io non ero qui.
ero in missione, sai, a cercare parole, colori nuovi da portare.
quando poi passo scopro sempre un po' meno di quel che vorrei, e sempre un po' più di quel che mi aspetterei.
ma hai ragione, tutto questo dragare il mondo in cerca di parole alla fine porta parole non solo mie, anzi, soprattutto non mie.
il tuo isolamento forse non è dovuto a te, ma alle persone che incroci.
tu sei una persona con gli occhi perennemente puntati all'orizzonte, e le persone che ti avvicinano devono capire che l'unico modo per farlo non è quello di porsi tra te e la fine del mare (o l'inizio del cielo..), ma di affiancarti e cercare di vedere quello che tu vedi.
poi, solo poi, si possono cercare le parole.

.come.fossi.acqua. ha detto...

red... è difficile per me tenere il passo degli altri.
e per gli altri stare al passo con me.

le parole certe volte non spiegano tutto.

red ha detto...

lo so che il mondo non è bravo a scandire il tempo intimo del pensiero.
che bisogna sempre un po' adattarsi, un po' scansarsi, un po' rallentare, un po' aggiustare.
lo so. ;)
è la vita che è così.

.come.fossi.acqua. ha detto...


non me ne lamento.
non mi dispiacciono le sfide.
non mi tiro indietro.
anche quando so che il passo è diverso, che gli orizzonti sono diversi.
non scarto mai a priori una conoscenza per banalità simili.
conosco persone le più varie.
in ognuna ho trovato qualcosa che appartiene anche a me.
non faccio selezioni.
sarebbe un grosso limite... e ne ho già altri da fronteggiare.
altrettanto impegnativi.

red ha detto...

se dovessi riassumere quello che penso in una sola frase:
"non chiedo che sia facile.
chiedo che ne valga la pena."
;)

.come.fossi.acqua. ha detto...

è quel che vorrei anche io.
spendermi come faccio per qualcosa per cui ne valga la pena.

solo che continuo a spendermi tanto.
e sempre mi pare che non ne sia valsa la pena.

e non per capriccio.
non perchè mi crei aspettative troppo alte, davvero.

è proprio che mai ne vale la pena.
e questa cosa ciononostante non mi fa desistere.
ma è faticoso.
sta diventando troppo faticoso.

MichiVolo ha detto...

Ben vengano coloro che chiedono il numero di telefono e non il contatto fb. Non so perché mi illudo sempre che siano un po' diversi dalla massa. Forse lo sono, o forse sono semplicemente un po' più coraggiosi.
Infondo una voce è sempre meglio di uno schermo.

.come.fossi.acqua. ha detto...

Michi... Mica mi chiama.
Mi scrive pure lì...
Cioé.. Basta un po'!!!

Ma di questi uomini azzeccati alla tecnologia, nascosti permanentemente dietro uno schermo, ne vogliamo parlare?

Ma invece di messaggiarsi non é meglio vedersi e parlarsi?