lunedì 9 novembre 2015

UN ALTRO CADUTO



Un altro di quelli che la fidanzata ha deciso che deve cancellare esseri di sesso femminile - anche dette "amiche" - dalla propria esistenza.
Serve a far funzionare la relazione.
E lei, poverina, ha delle insicurezze, va compresa.
Va assecondata.
Altrimenti crolla tutto.
Non devono esistere rivali nemmeno potenziali.
Deve essere l'unica, e per esserlo deve fargli terra bruciata intorno, perché altrimenti lui sceglierebbe altro.


A distanza di tempo, questi uomini sono costretti a vivere di nascosto vite parallele, con l'ansia di essere scoperti.
O che succeda la terza guerra mondiale per un caffè di cinque minuti con un'amica che non si vede da tempo.
O un amico, pure.
Quando non esplodono commettendo gesti inconsulti.


Solo a distanza di tempo, si rendono conto di quanto siano oppressive e morbose certe relazioni.


Forse sono l'unica a cogliere il lato ridicolo di questa situazione, che a dire il vero mi fa anche tristezza.


Soprattutto perchè credevo che questo amico avesse un po' piú di buon senso.



6 commenti:

Kanachan ha detto...

Tranquilla, queste situazioni fanno tristezza pure a me! Per fortuna non mi è mai capitata come cosa, ho solo degli amici che si sono stupiti perché, nel periodo in cui ero in coppia, sono uscita tranquillamente a pranzo con un amico! Mah! La relazione è finita, l'amico è rimasto!

MichiVolo ha detto...

Poi queste ragazze si lamentano se i loro fidanzati le tradiscono!!

.come.fossi.acqua. ha detto...



Kan, come te sono riuscita perfettamente a conciliare amicizie e amore.

Questo vale, peró, quando gli amici li consideri tale, non materiale umano intercambiabile per coprire gli spazi di tempo tra una storia e un'altra.

Questo mio amico, con la ex, non era cosí.
Mi spiace, ma è lei che è follemente morbosa.
E piú lui non le offre motivo per allarmarsi, piú cerca pretesti per monopolizzare on via esclusiva la sua esistenza.

Lui ha le sue responsabilità, certo, ma questa situazione si sta verificando solo con lei...

.come.fossi.acqua. ha detto...



Michi, la vedo negli stessi termini.

È amore o galera?

E se è galera, per quale motivo un uomo o una donna - perchè ci sono anche fidanzati cosí - dovrebbero restare se hanno occasione di andare?

A volte, per il livello di soggezione psicologica in cui versano alcuni, sembra quasi possibile ipotizzare una riduzione in schiavitù.

E, di nuovo, è amore, questo?

sara-sky ha detto...

la gelosia non è un sintomo dell'amore ma solo di ansia di possesso e insicurezze.
Meglio perderle queste persone!

.come.fossi.acqua. ha detto...



Invece qualcuno se le tiene strette.
Perchè essere posseduti o possedere è forse meno impegnativo che stare insieme per scelta.
Certo, è piú semplice mantenersi aderenti alla scelta iniziale, quando viene castrata ogni possibilità di scegliere altro.
E non ha nulla a che vedere con la fedeltá, questo.