mercoledì 2 dicembre 2015

LA RISPOSTA E' NO



Un amico mi ha chiesto come è andato il giretto che ho fatto qualche fine settimana fa all'estero.
Bene, ho risposto.
Al perchè non abbia fatto quasi per nulla foto ho risposto che avevo poco tempo e troppo da fare.
Tutto quello che ho registrato con gli occhi lo tengo qui, nella mente, ed è un ricordo altrettanto vivido che se fosse impresso in uno scatto.

Qualcuno voleva raggiungermi, si è lasciato scappare di bocca.
Non è la prima volta che qualcuno avrebbe voluto raggiungermi.
Qualcuno, in passato, l'ha fatto.
Ed è stato magnifico.

Mi piace rincorrermi per il mondo con le persone di cui mi innamoro, appartengo alla categoria di quelli che fanno Follie per amore.
Con la maiuscola.
E ne ho fatte così tante da poterci davvero scrivere un romanzo straziante.
Che proprio per il troppo strazio, risparmio al mondo.

Per inciso, con il tipo che voleva raggiungermi non c'è nulla di nulla.
Non c'è mai stato un approccio, qualcosa che fosse sintomatico di un interesse, se non in forma lata.
Io non ho capito come gli è venuto.
Siamo stati distratti da altri amici e la frase non è mai stata completata.
Ed io non ho più chiesto.



La solita gente che non frequento più mi ha invitata ad una serata, con la scusa che riguarda i festeggiamenti per un'amico che abbiamo in comune.
Ho declinato l'invito.
Mi viene il voltastomaco quando li incontro per sbaglio in giro, perchè dovrei obbligarmi a trascorrerci una serata, o pure mezza?
Per fare la signora?
Come se dovessi dimostrare di esserlo...
I fatti ed il tempo hanno chiarito le reciproche posizioni.
E non c'è stato giorno, da che ho ho allontanato queste persone, che sia stata sola.
Non c'è stato giorno che non mi sia sentita sollevata.
Ottimi motivi per tenere la radice salda nella posizione che ho preso.








4 commenti:

Bill Lee ha detto...

non hai capito come gli è venuto?

Era sbronzo, gli han detto che eri via ed ha pensato "Cazzo andrei là con lei".
Non significa niente.

Comunque, per concludere il discorso iniziato sul mio post:
si, parti in quinta, magari non te ne accorgi, magari cerchi di evitarlo ma da quello che scrivi e da come lo scrivi posso dirti che sei una che spara sentenze.
Ti bastano un fatto, due dettagli e un'impressione per esseri già fatta un'idea.
E quell'idea, almeno su blogger, non esiti ad esprimerla.
A me sta benissimo perchè sono un pò così anch'io, ad esempio oggi ho rivisto una ragazza molto molto bella (a cui stavo seriamente pensando di chiedere di uscire) che ha detto una stronzata epocale a un'amica e ... basta, ho capito e soprattutto deciso che è cretina e non vale nemmeno la pena uscirci perchè dopo 15 minuti non saprei che dirle.
Sono spocchioso?
Non rispondermi, non è veramente una domanda. XD

.come.fossi.acqua. ha detto...


bill, il tipo è una persona molto composta e non alza il gomito, non si sbilancia mai, quindi gli è venuto da sobrio, e, temo, sollecitato dal mio amico che incita me (e probabilmente anche lui) a conoscerci meglio.

il tuo commento, comunque, è molto interessante.
mi piace affacciarmi sulla mia zona grigia, quella che viene colta solo dagli altri e che a me resta preclusa.

quello che tu ed altri leggete qui è frutto talvolta dell'impeto dell'emotività, talvolta di riflessioni che maturano nel tempo.
lungi da me sparare tutto il tempo sentenze dal vivo, mi condannerei da sola ad essere odiosa con tutti, ed emarginata.
non ne ho motivo, salvo quando non tollero qualcuno e glielo dico apertamente.

di quel che scrivo, trapela forse il 30% nei rapporti che quotidianamente instauro.
le considerazioni che faccio su tutto e tutti le tengo per me, al più le condivido qui, o anche con amici di sempre.

ed è vero, mi basta poco per farmi un'idea, ed è raro che la cambi nel tempo.
anche se mi concedo sempre la possibilità di cambiarla, perchè so che potrei sbagliare.
fermarsi di regola alla prima impressione sempre sarebbe da stupidi, ma quando quel che penso viene confermato nel tempo immediatamente seguente, o da circostanze precise, so che è inutile perderci tempo.
e spesso la prima impressione non viene smentita da quel che accade poi.

dare tempo e opportunità a persone che da principio non le meritano questo si che è da stupidi.

chiunque può farmi cambiare idea o opinione, ma deve guadagnare la mia considerazione, non è mica un atto dovuto.
se non voglio avere a che fare con una persona che è stupida, aggressiva e prepotente, o in questi termini si pone o mi lascia pensare, perchè dovrei darle l'opportunità di farmi cambiare idea?
non voglio perderci tempo, energie, salute.
non voglio far entrare persone sgradevoli nella mia vita.

facendo un ragionamento a contrario, immagina le donne vittime di violenza, quelle che "si, mi picchia, ma poi è tanto dolce, compensa con altre qualità" (e ce ne sono! eccome se ce ne sono!), quelle che pensano che un giorno quell'uomo da poco cambierà, e poi vengono ammazzate di botte.
ecco, non lo sapevano da principio che l'uomo che avevano accanto era pessimo?
non lo sanno ogni volta che sono costrette a coprire con il trucco i lividi sul viso?
da morte pensi che valga qualcosa cambiare idea?
intanto sei morta.
hai messo a tacere il tuo istinto che ti diceva di chiudere o fuggire per cosa?
per dare l'ennesima possibilità ad un uomo di merda?
vale anche nelle amicizie, con quelle persone che si avvicinano solo per prendere qualcosa che hai, o brillare nella tua luce riflessa, o approfittare di quel che hai da offrire.

io non ho mai messo a tacere l'istinto, ma negli ultimi anni mi sono fin troppo ammorbidita sulle ulteriori possibilità concesse a persone che non lo meritavano.
chi vuole dunque la mia attenzione deve fare qualcosa di concreto, oggi.
ammesso che abbia voglia di dare spazio a chi non mi piace.
e generalmente no, non ho davvero più voglia di accollarmi gente da nulla e che trovo particolarmente insignificante o sgradevole.


tu si, un po' sei spocchioso.
anche io lo sono.
ognuno avrà le sue ragioni per esserlo e comprendo che un'inezia possa far scadere una persona.
talvolta sorvolo sulle inezie, sono le cose che reputo importanti e che mancano in qualcuno, che mi fanno desistere dall'approfondire una conoscenza.

ti ho risposto perchè in fondo, lo so, ti aspettavi una risposta.
ti ho solo assecondato :)))

sara-sky ha detto...

se tu stai meglio da quando ti sei allontanata, continua così ;)

.come.fossi.acqua. ha detto...


è un dato di fatto, ho altri amici, alcuni li frequentavo già quando frequentavo loro, altri lo sono diventati nel tempo.
e loro no, non mi mancano.
l'anno scorso si propose la stessa occasione.
e andai, e alla fine fu sostenibile, perchè c'erano altri amici.
stavolta non ci sarebbero stati.
e sono cambiate anche altre cose.
non avevo ragione di mettermi in una situazione scomoda per nulla.
festeggio separatamente nel week end, se capita l'occasione.