martedì 13 dicembre 2016

COME IL SALE



L'aria è carica di elettricità e sale.

Come quando la salsedine ti si appiccica sulla pelle scoperta, ma è fresco, e all'orizzonte ci sono nuvole nere che piovono sul mare, tirando dritto verso di te.

Voglio tuffarmi nella notte, ma scelgo le possibilità che offre il giorno.

Forse dovrei ritrattare con me stessa e scegliere invece la notte.

Sono combattuta.

E alquanto sfinita dal combattimento.

Ho voglia di partire.




4 commenti:

Bill Lee ha detto...



una settimana senza scrivere dev'essere il tuo record.

festeggia!

sara-sky ha detto...

non lasciare troppo spazio ai pensieri cupi, e ricorda anche tutto il bello. Cerca di non compromettere il futuro con scelte avventate ;)

.come.fossi.acqua. ha detto...



Bill!!!
Ma mica è una settimana!!!!
O si?
Boh... non ci ho fatto caso...

.come.fossi.acqua. ha detto...



sara, ma io, di fondo, parecchio in fondo, ardo a fiamme alte.
talmente alte che dal profondo si vedono pure da lontano.

ci sono cose di me che lascio esplodere, ed altre che cerco di sedare, e hai ragione sulle scelte avventate.

c'entra l'istinto.

e la razionalità accantonata.