mercoledì 16 agosto 2017

E MI ACCOMPAGNI A PRENDERE IL TRENO



Passato ferragosto in mezzo a fenicotteri rosa e scintillanti serate, nei soliti locali, con la solita musica e le solite foto piazzate sui social, qualcuno, senza nemmeno preoccuparsi di affrontare dignitosamente la bugia svelata, mi ha contattato, poco fa, per dirmi che posso passare domani per la visita.

"E mi accompagni a prendere il treno quando finiamo, dal paese X, perché sono senza macchina e devo partire", aggiunge.

La richiesta, senza punto interrogativo, equivale ad una pretesa.



Ho risposto con estremo garbo e distacco che ieri siamo andati in clinica e abbiamo risolto.
Suppongo che adesso sarà un disagio trovare qualcuno per un passaggio sino in stazione, se io ero la sua ultima risorsa.

4 commenti:

Bill Lee ha detto...


Fantastica.

Comunque devi aver qualcosa di sbagliato, che le peggiori stronze gravitano tutte attorno a te. Avrai su un malocchio o simili.

.come.fossi.acqua. ha detto...



Bill, aveva ragione un amico in comune che l'ha allontanata da tempo.
È un'opportunista di uno squallore esagerato.

E comunque è pieno di stronze, altro che malocchio!! ;-)

sara-sky ha detto...

10&lode!

.come.fossi.acqua. ha detto...



sara, è stata certamente depennata con decisione dalla lista delle persone con cui passare, per compagnia, del tempo.