mercoledì 15 novembre 2017

IL TEMPO DI RICARICARE IL CELLULARE



Sono stata in giro, mi sono guardata un po' attorno, ho individuato un paio di posticini dove magari fermarsi a mangiare stasera.
Nel negozio all'angolo, sviluppato su una piccola terrazza in pietra, chiusa da pannelli di vetro incastonati in cornici di metallo, mi sono messa a chiacchierare con la signora dietro il bancone e mi sono fatta indicare un paio di prodotti locali da comprare.
Tra i vini, ne ho scelto uno rosso barricato.
Ho lasciato perdere il miele, preferendo una confettura agrodolce ai pomodori verdi.
Tra le ceramiche, mi è cascato l'occhio su delle belle brocche colorate.
Sollevandole per controllare il prezzo - costeranno un fottio, ho pensato - ho letto con sorpresa 10 e 11 euro.
Le ho prese entrambe.

Sono entrata in un altro negozio, e ho comprato delle spezie a buon prezzo e una marmellata bio di more selvatiche.

Nella panetteria, un signore mi ha chiesto se poteva essere indiscreto e chiedere la mia nazionalità.
Gli ho detto di indovinare, chè tanto nessuno indovina mai.
"Russa? No, aspetti, rumena!", mi ha detto convinto.
Quando gli ho detto che ero italiana, mi ha raccontato che la figlia studia a Roma all'università e mi ha afferrato la mano con commozione.
Deve mancargli molto.

Ci siamo salutati come vecchi amici e sono rientrata in albergo per ricaricare il cellulare, posare le borse e attendere che lui rientri, per il pranzo, tra poco.

Sono incredibilmente stanca, fisicamente e mentalmente, ma l'adrenalina del viaggio, anche in queste condizioni, mi giova invece di stancarmi maggiormente.

Stavo valutando di prendere l'auto per andare a visitare un paio di posticini nei dintorni, domani.

E se guidare mi stanca, prendo un bus di questi a un euro: collegano questo posto dimenticato da Dio ad altre città, nazioni, paradisi fiscali.

Ce n'è uno a due passi e suppongo ben valga una visita.

Il sole, nonostante il vento freddo, è caldissimo, ed i contrasti architettonici del paesaggio, che risentono dell'influenza del mare e delle catene montuose, e di culture diametralmente opposte, sono di una naturalezza tale da sembrare la regola, invece che una colorata eccezione.

Il ristorante dell'albergo è in pieno fermento e attività.
Si sente il profumo della cucina, e delle spezie, sin qui.
Arrivano sospinti da voci straniere e insolitamente allegre, e spezzano questo silenzio pur necessario, nel quale sono immersa.

E PIASTRELLE COLORATE



Scrivo da questa piccola tana, piastrellata con ceramiche colorate, con la finestra di legno blu che affaccia su un cortile vagamente gitano.
Probabilmente la cultura locale risente anche di questa componente, in questo mondo ai confini del mondo, dove sono arrivata stanotte, senza avere il tempo di guardarmi intorno.
Abbiamo viaggiato per giorni, senza tregua, e adesso lui lavora, ed io, che mi sono svegliata all'alba per fare colazione insieme, controllo le mail, scrivo per lavoro, indirizzo questioni distanti da qui, e, come mai, da me.
Sono in attesa di sapere se quel che ho fatto è servito a qualcosa o no.
Al di là di stupidi complotti, e al netto di incertezze e insicurezze, mi sono imbarcata in qualcosa per cui ho pensato valesse la pena cimentarsi.
Come viene la prendo, penso.
Tra i semi gettati attraverso tanto studio, c'è tutto quel che ho scritto (una mole enorme di parole, e di collegamenti, e di percorsi ancora inesplorati), che, riadattato, e previo inserimento di nutrita bibliografia, diverrà a stretto giro materiale per pubblicazioni di settore.
Non avrei mai immaginato di poter scrivere in questi termini.
O meglio, non ci ho mai sperato.
Come se la mediocrità della gente, a un certo punto, mi avesse convinta che non ci fosse spazio per me.
Ed invece, dove non c'era spazio, l'ho creato a mia misura.

Mentre scrivo, cerco informazioni sul paesino nel quale mi trovo.
Il fatto che lui dovesse lavorare e che io abbia deciso per una volta di accompagnarlo (anche per ragioni non esattamente piacevoli: sta poco bene), ci ha fornito l'occasione per staccare qualche giorno dalla fatica e dai nervosismi e dalle stanchezze reciproche, e di ritagliarci un momento tutto per noi.
Fa un freddo terribile, fuori, ed il vento è gelido.
Non avevo considerato la catena montuosa alle nostre spalle, sebbene siamo non troppo distanti dalla costa e dal mare.
Sono passata dall'estate all'inverno senza nemmeno accorgermene.
Oggi, invece, mercoledì 15 novembre, mi concedo una giornata in solitaria da turista, come non accade da interi mesi trascorsi tra l'affanno dello studio e del lavoro.






lunedì 30 ottobre 2017

RINCHIUSA DENTRO E IN FONDO



E' qui che sto, rannicchiata a studiare, in una casa che era un punto d'appoggio ed è diventata una tana.

E' stata una scelta consapevole, certamente, che poi è diventata obbligata.

Perchè è stata una scelta in parte voluta, e in parte inaspettata.

Perchè la vita è così: per quanto la pianifichi, le cose girano sempre come decidono loro, sfuggendo ad ogni controllo.

Che chi l'avrebbe detto, tutto questo.

Chi l'avrebbe detto?

La vita è fatta di occasioni, per tutti, da cogliere quando capitano, non quando si sceglie di farsele capitare.

E in questa circostanza riposa la scelta di chiudermi dentro.

Devo fare un salto enorme, e dirottare tutte le energie in questa direzione è quanto mai complicato.

Perchè è terribilmente difficile, ci si distrae, ci si stanca.





domenica 29 ottobre 2017

TECNICHE TELEMATICHE FURBE DI APPROCCIO



Nella folta schiera delle ammiratrici/pretendenti/poco di buono che si propongono sfacciatamente, dal vivo o per iscritto sui social, al mio compagno, una piccola parte è costituita da gente che conosco o con cui ho avuto a che fare, per le ragioni più varie, in passato (ex ragazze di miei cari amici, ex coinquiline etc...).

Oggi esce fuori che Esse, ex fidanzata di un mio caro amico, lo ha abbordato con una tattica che ben conosco (perché l'ha praticata abbondantemente anche dal vivo con ogni uomo con cui mi ha vista parlare), mandandogli un messaggio su fb, spacciandosi per una mia carissima amica, ed invitandolo ad uscire tutti insieme per conoscersi.

"Abbiamo un'amica in comune", cioè io, gli ha scritto.

Lui le ha risposto che sarebbe lieto di uscire tutti insieme, ma che non sono un'amica, bensì la sua compagna.

Si è defilata all'istante, non aggiungendo altro.

Provo molto imbarazzo per questo mondo che tengo fuori la porta e che tenta spudoratamente di entrare nella mia vita.
Provo fastidio.
Provo profonda pena.

E in questa solitudine estrema, ho trovato in lui una piccola oasi per dissetarmi.

martedì 24 ottobre 2017

DI MOLTE LUNE


Sono andata in biblioteca - la mia biblioteca preferita - a reperire del materiale per studiare.
Mi sono letteralmente persa nei corridoi, scorrendo con gli occhi le pareti alte di libri e pietra e legno in cui è incastonata la tecnologia degli ascensori e delle macchine fotocopiatrici, che non c'entrano niente.

Sono passata in chiesa, una chiesa magnifica.

Ho sentito il cuore battere fortissimo.

In libreria - la mia libreria preferita, dove ho passato raccolta in me stessa, affacciata su uno degli angoli di mondo più popolosi, dell'ottimo tempo in compagnia di caffè e libri nuovi - ho preso l'ultima copia del testo che mi occorreva e un cd di Nick Drake in offerta, insieme a dei quaderni per studiare.

Ci siamo incontrati in strada per rientrare a casa insieme.

Mentre lui preparava la pizza, io ho messo su Pink Moon.

La mia adorata, amatissima, Pink Moon.

Mi ha raggiunta nella sala, mi ha abbracciata e abbiamo ballato stretti sulle note del pezzo.

"Io non so ballare", ha detto, ed io ho replicato di abbracciarmi.

La luna è diventata le lune.

Le lune che mi mancano, non quelle che ci sono già state e sono andate perdute.

Alzo gli occhi al cielo e vedo ciò che lui vede.

E lui vede ciò che io sola vedo.

Le nostre lune, e quelle che ci mancano.

Quelle che guarderemo insieme.



E NON MANGIARE TROPPA MARMELLATA



Divisi tra lo studio e il lavoro e i Paesi, la differenza tra i nostri stati può essere sussunta negli avvisi che vicendevolmente ci facciamo.

Il suo, di non incazzarmi.

Il mio, di non mangiare troppa marmellata.

E' passato un anno, questo ottobre.
Un anno in cui tutto è successo, e la vita è cambiata, ed anche la prospettiva.
Tutto può ancora cambiare, e mi auguro in meglio.

Seriamente speranzosa, e non più solo battagliera, continuo a barcamenarmi negli impegni quotidiani, relegandoli ad adempimenti da spicciare il prima possibile per non sottrarmi allo studio.

E' arrivata una prima correzione del lavoro fatto sinora, che necessita di essere limato e fissato e arricchito, corredata da una risposta entusiasta.

Tutto questo studio richiede un ultimo sforzo, lo scatto finale.

Ho un'ansia che non riesco a misurare, e ho dovuto cambiare integratori, perchè i nuovi mi hanno portato un po' di tachicardia.

Qualcuno ronfa bellamente sulla sedia alla mia sinistra, qualcun'altro è in giro per lavoro, lontano dagli occhi, ma non dal cuore, ed io sono a questa scrivania che studio e scrivo e rifletto, e trattengo la voglia di bere il quarto caffè della giornata.


lunedì 23 ottobre 2017

E QUANDO I DINOSAURI CERCANO DI INTIMIDIRTI



Dopo la telefonata di scuse, mi è arrivata una mail in cui il dinosauro retrocede a uovo in fase di schiusa, minacciando di intraprendere le vie legali per ragioni non meglio precisate.

Ora, considerato che sono serena rispetto al fatto di non avere commesso passi falsi, e di non avere assunto in generale comportamenti che possano integrare gli estremi di qualsivoglia reato, la mail l'ho letta ieri sera e mi ha molto amareggiata.

Da un punto di vista umano, più che professionale, perchè è sconfortante ricevere intimidazioni, da chiunque provengano.

Che si tratti di delinquenti che minacciano di bruciarti viva con l'acido, prendendo spunto da noti fatti di cronaca, o che si tratti di chi fa il mio stesso lavoro e adopera questi strumenti per rivendicare posizioni dominanti che non spettano nè in ragione del titolo, che è il medesimo, e nemmeno in ragione dell'essere più anziani o di esperienza.

Questi sono i termini in cui troppi tentano di acquisire ed esercitare potere sugli altri.

Con questa brutalità.

Ho risposto con fermezza, poco fa.

Sono comunque turbata dall'atto di forza e prevaricazione che questa persona ha messo in atto.

Sono esausta dei colpi inflitti perchè faccio bene il mio lavoro.

Mi sono svegliata con la bocca amara, stamattina, e la tensione mi distrae e mi distoglie dalle cose più importanti in cui mi sto prodigando, nonostante tutto e tutti.

Vorrei la pace, ma la mia esistenza sembra costante terreno di guerra.






domenica 22 ottobre 2017

QUANDO I DINOSAURI ALZANO IL TELEFONO PER CHIEDERE SCUSA




Il dinosauro in questione, dal nome altisonante e dai clienti importanti, ha fatto una cazzata che sarebbe passata inosservata se non avessi lavorato con il solito scrupolo e non l'avessi scoperto e portato alla luce.

Ho ribaltato le carte in tavola, e scoperchiato il vaso di Pandora, mio malgrado.

Non avrei voluto, ma il dinosauro  ha fatto una cazzata grossa come una casa, che va a mio vantaggio, e non potevo non rilevarla.

Con le spalle al muro, ha alzato il telefono per chiamarmi.

E mi ha chiesto scusa.



Dicono sia la passione che ci metto, a fare la differenza.
Che sia l'onestà congenita.
Si chiama vocazione, semplicemente.
È quando si fa qualcosa per cui ci si sente tagliati.

Eppure, nella landa desolata di dinosauri, dove i tempi moderni sono lontani anni luce e le dinamiche puzzano di vecchio e di marcio, le piccole gratificazioni non bastano a tenermi in vita.

Con le lacrime agli occhi e un peso sul cuore, valuto la possibilità sempre più concreta di chiudere questa fase della mia vita.
Con la consapevolezza di buttare alle ortiche buona parte dei sacrifici fatti sino ad oggi.
Perché per quanto una piccola donna armata della sola clava della propria intelligenza riesca a scalfire un dinosauro sino a farlo inchinare in sua presenza, questa terra che pratico è popolata di mostri troppo grandi e di altezze invalicabili per accettare che siano per il resto della vita la quotidianità.

E la stanchezza batte la vocazione.

Per questo continuo a lavorare e studiare.

A impegnarmi per guadagnare la possibilità di volgere altrove.

Anche se muovo i passi su un terreno fatto di grandi incognite.

Mi sembra di non avere alternativa che... battermi: è sempre questo il termine che connota la mia azione, è sempre in questo slancio che consumo le mie energie.

Ho paura di non farcela.

E allo stesso tempo penso che devo, ancora una volta, farcela.

Che devo tenere duro ancora un po'.

Che voglio.

Fortissimamente voglio.


mercoledì 18 ottobre 2017

GENTE IN CERCA DI GENTE



Ogni giorno, che si vada a fare la spesa, a prendere un caffè, o a fare sport al mare, registriamo l'assalto di donne di ogni età in cerca - disperatamente in cerca - di compagnia.
Cercano spudoratamente di approcciarlo, tentando di passare sul mio cadavere.

Se avessi voluto riportare di tutti gli episodi che sono capitati, avrei dovuto aprire un blog a tema, e forse nemmeno mi sarebbe bastato.

Tra i tanti, ce ne sono due che mi hanno però particolarmente divertita.

Stavamo facendo la spesa, l'altra settimana, al supermercato.
Ero al banco frigo, lui era rimasto al reparto frutta e verdura.
L'ho visto svoltare, a un certo punto, a passo svelto, l'aria turbata, tra i banchi frigo.
Mi ha vista e si è precipitato verso di me, con un sacchetto in mano.
Dietro di lui, una commessa che correva puntandolo.
Correva, giuro, per stargli dietro.
"È successo qualcosa?, gli ho chiesto notando la scena.
La commessa ha abbassato lo sguardo e si è defilata, letteralmente scappando via.

"Quella donna ha cominciato a squadrarmi e seguirmi, pensavo di avere pesato male le castagne", mi ha risposto.

Sono scoppiata a ridere, mentre lui, a disagio, si è innervosito, perché ogni volta che esce si sente braccato (lo è, lo seguono fino a casa, lo pedinano per strada, lo tempestano di messaggi sui social) da donne affette da disturbi mentali.
Non si placano nemmeno se mi bacia o mi abbraccia davanti a loro, anzi.
Il fenomeno è davvero allarmante.

Una delle ultime ha cercato di approcciarlo su fb.
Gli ha scritto che lo ha visto in giro, che lo trova molto carino, e gli ha dato appuntamento di notte in un posto isolato, da queste parti.
Lui le ha risposto che se l'ha visto in giro, sicuramente l'ha visto con me, che sono la sua compagna.
Lei, che è una donna matura (per età) e impegnata, ha insistito affinché la raggiungesse la notte stessa, precisando di essere in cerca di "un amico con cui scambiarsi effusioni".

Noi donne non siamo tutte ridotte ai minimi termini così.
E nemmeno tutti gli uomini, per fortuna.
È anche vero che a proporsi in modo sguaiato o a cercare di ingerire nella vita degli altri sono in molti e molte, senza regole, senza pudori, senza alcuna remora.

Come se tutto fosse lecito, mentre non lo è.

Quando molte volte, certi assalti sono sgradevoli e sgraditi.

E comunque, in confronto, gli uomini che cercano di approcciare me lo fanno con un garbo che a queste donne pare davvero mancare.

A me nessuno ha mai mandato foto ammiccanti in cui è mezzo nudo.
Nessuno mi ha mai inviato video.
Nessuno mi ha mai scritto spudoratamente cose sconce.
Il più coraggioso​ - l'ultimo ieri - mi ha semplicemente proposto di offrirmi un caffè.

La decenza è un'ottima qualità, per chi ancora ne è dotato e l'apprezza.
Così come la dignità.













venerdì 13 ottobre 2017

GOMITO A GOMITO



Siamo una squadra - ecco cosa siamo, in questo esatto momento - mentre ci supportiamo, collaboriamo, litighiamo, stabiliamo insieme di puntare ad un obiettivo comune.

I sentimenti, cemento armato di ogni sovrastruttura, ci tengono uniti contro ogni previsione erronea e crudele di altri.

Abbiamo comprato una cassettiera bianca e rivoluzionato la stanza da letto, ancora una volta.

I suoi e i miei vestiti attendono sistemazioni migliori che al momento non possiamo concederci per il poco tempo a disposizione.

Si lavora, si studia, si fanno la spesa e il bucato, si cucina e si lavano i piatti.

Le giornate procedono a ritmi serrati, mentre restiamo barricati nel piccolo eppure gigantesco mondo in cui stiamo unendo e raccogliendo le forze per puntare a qualcosa di più.

Nella speranza e con l'impegno di riuscirci.







mercoledì 11 ottobre 2017

QUANDO IL MOSTRO TI E' AMICO



Non ho potuto fare a meno di leggere del caso Weinstein, che circola online con particolare insistenza, oggi, in ogni dove.

Sembra il luogo comune che prende forma, la retorica più becera che trova conferma in una serie di episodi sconci venuti alla luce dopo decenni.

Eppure, al di là del cliché, della dietrologia, delle illazioni, e di tutte le speculazioni sulle denunzie tardive di belle attrici, un profilo su tutti merita maggiore attenzione: l'omertà manifesta del contorno di addetti al settore e sbrilluccicanti personaggi del mondo dello spettacolo e non solo.

Un'omertà che puzza di marcio nelle frasi di chi si dice esterrefatto, che non era al corrente - assolutamente - di queste azioni indegne perpetrate per anni da un uomo di potere, ai danni di donne che per fare carriera nel mondo dello spettacolo hanno sopportato e taciuto.

In quante sono fuggite, pure: questo va evidenziato per non fare di tutta un'erba un fascio.

E in quante fuggiamo a ricatti e avances, o l'abbiamo fatto nel corso di una vita, rinunciando anche a fare carriera o, semplicemente, accettando di farla in tempi meno brevi.


L'omertà, dicevo, che scandalizza di più, a me pare quella dei finti moralisti che molto ci hanno tenuto - vuoi in politica, quanto nel mondo dello spettacolo - ad ancorare il proprio operato e la propria carriera a dei principi che ad altri paiono manifestamente mancare (ad altri contro cui ci hanno tenuto parecchio a puntare il dito, ergendosi al primo posto sul podio della moralità).

Finchè non si scopre che il mostro è loro amico, e loro, inspiegabilmente, non sapevano nulla.

Finchè di fronte all'evidenza sbattuta sui giornali non hanno sentito l'esigenza di dissociarsi con dichiarazioni pubbliche.

Tutti, oggi, unanimamente e coralmente schierati contro l'orco, che sino al momento in cui è stato sbattuto in prima pagina, sino a quanto non è stato licenziato perdendo il proprio potere e la propria influenza, era compagno di cene, bevute e lavoro.

In questa vicenda, davvero, nessuno può salire sul podio a rivendicare una moralità che ad altri manca.

E fare i finti tonti in mondo visione, su vicende così tristi, non è che sia un bello spettacolo visto da qui.




martedì 10 ottobre 2017

IL TAGLIO, DI NUOVO



Ho atteso un po', dondolando nell'incertezza se farli tornare lunghi o scorciarli di nuovo.

Chè davvero sono cresciuti tantissimo nel giro di un attimo.

Poi ho visto lo spot con Natalie Portman, e sono rimasta incantata dal taglio iconico che sfoggia, con l'immancabile grazia che la connota.

E quindi, anche se la grazia non è la stessa, men che meno i tratti del viso, ho scelto di tagliarli così.

Ho mostrato il video al parruchiere (il nuovo parrucchiere, finalmente, cui mi ha indirizzato una cara amica molto stilosa), che ha traslato il movimento che volevo sui miei capelli.



E' un po' che mi sento sottotono.

Sto studiando molto, incastrando il lavoro ed il tempo per dei pasti regolari, e la sera crollo inesorabilmente nel letto.

Mi sento appesantita, nei giorni che passano.

L'ansia galoppa a briglia sciolta, e trascina il mio corpo legato nella polvere.

In certi momenti mollo la presa, ma poi la riprendo con tenacia.

Debbo farcela, in ogni caso, e tenere duro.

Perderò dei giorni utili per lo studio per il lavoro.

Lavoro che non posso delegare ad altri, e per il quale sono in apprensione, perchè può portarmi a dei risultati notevoli o a nessun risultato, e l'incognita immancabile legata a questi eventi che sfuggono al mio controllo è una delle ragioni per cui con tanta tenacia studio.

E' terminata davvero questa fase?

O è solo il luogo ad avere esaurito la sua funzione?

La fase da un punto di vista spazio-temporale che richiede solo di scegliere la declinazione nella quale far confluire le energie migliori?

Ci sono domande cui ieri rispondevo con fermezza e che oggi mi paio gigantesche e soggette a revisioni gigantesche.

I sentimenti sono il discrimine.

I sentimenti, che altro?



venerdì 29 settembre 2017

DUE DI TRE



Doveva essere solo una manciata di giorni e probabilmente sarà molto di più.

Di notte, nel letto, tra mille cuscini, la mia ansia è alleggerita dalle fusa di questa creaturina che indaga, con occhi interrogativi, l'origine di tanta tristezza.

E che, a suo modo, la accarezza, mentre si lascia carezzare.

Solo che la mia tristezza non è soffice come la sua pelliccia, e me ne rammarico, perchè è come se gliene facessi in parte peso, mentre vorrei tenerla solo per me.




giovedì 28 settembre 2017

STUDIO ANCORA E CHISSA' PER QUANTO ANCORA


Ho finito ora di cenare, perchè non mi ero accorta dell'ora tarda.
Ho ceduto, mi sono aperta una birretta piccola, che quasi sicuramente non finirò.
Non me la sto gustando, e mi serve lucidità per studiare, anche se la stanchezza mi travolge.
E sono appena le 21.58, non me lo posso concedere.

Ho comprato una rivista bellissima che non sono riuscita a sfogliare nemmeno per metà.
L'accostamento dei colori e delle forme stile bauhaus cattura orami irrimediabilmente la mia attenzione, così come un paio di cose estremamente frivole, ma decisamente accattivanti.

I libri che ho preso in estate sono ancora lì, in faccia allo specchio, sul mobile di nonna, che richiamano la mia curiosità come le sirene della mitologia, ma cui non posso cedere perchè mi risucchierebbero negli abissi di un altro mondo.

Dovevo scrivere, e scrivere tanto, per almeno tre ordini di ragioni, ma a parte questi pensieri di getto che riverso sul blog, non ho tempo per altro tipo di scrittura, più impegnativa.

Ho i brividi per la tensione.

Manco dal mare da un po'.

E dalla montagna, da un po'.

E mi mancano, il mare e la montagna.

Mi manca nuotare, e mi manca scarpinare, ed annusare il verde del bosco, e la salsedine, e farmi parte del processo di decomposizione e rinascita, della ciclicità della natura percorsa dalle stagioni.

Mi manca immergermi, mi mancano le altezze, i panorami.

Le birrette al tramonto con i piedi nella sabbia, e quelle infilate nelle vasche di raccolta dell'acqua in montagna a rinfrescarsi.

Mi spiace accantonare la vita, in questo momento.

E non so nemmeno se e quanto me ne vedrò bene.

L'entità dei sacrifici è sempre altissima rispetto al conseguimento effettivo dei risultati.

Sempre tardiva.






TENDENZE PRESUNTE E VOLPI



Un amico mi presentò un suo amico, tempo fa, che dichiarò un certo interesse, mai raccolto.
Con una certa timidezza cercò di propormi via fb di vedersi, ma tolta l'educazione con la quale risposi, lasciai ampiamente cadere la cosa.
Non mi interessava, e in ogni caso a parte attendere un mio cenno, non si è impegnato a fare altro.

L'amico in comune mi dice che l'ha sentito di recente e che gli ha espresso un dubbio amletico sul mio conto.
Secondo lui avrei tendenze omo, perchè su fb ho solo foto con amiche.
Quindi molte amiche è uguale a lesbica.
L'equivalenza con discrezione sulla vita privata e di relazione stretta non l'ha fatta.

Quando ha espresso queste perplessità sul mio conto, il mio amico ha riso.
Gli ha detto che gli risulta ben diversa la faccenda.
E che, fondamentalmente, così ragionano le volpi quando non arrivano all'uva.

Nel frattempo, la mia vita sentimentale prosegue, quella lavorativa pure, e lo studio matto e disperato anche.
L'un piano è connesso all'altro, e ne risente.
L'angoscia non mi molla, e la caffeina la acuisce.
Adesso, per esempio, anche se sono ad un soffio dalla tachicardia, e sono appena le 16.00, sto per alzarmi dalla benedetta scrivania e dalle sudate carte per andare in cucina dalla macchinetta del caffè.
E non dovrei.
Non dovrei, perchè sono sveglissima, e angosciata al punto giusto da poter rendere bene nello studio, ma una piccola pausa debbo concedermela prima di consentire al groppo che ho in gola di sciogliersi in lacrime.

Non è facile affrontare tutto questo.
Impegnarsi non è mai facile, soprattutto quando manca la serenità.
Lo stato d'animo risente di mille vicissitudini ed incertezze.
Ciò che resta ferma è la volontà di progredire, e di andare avanti insieme.
Di affrontare le difficoltà, insieme.
Che sia qui o altrove, poco importa.
Questa piccola parola, da sola, cambia il significato di tutto.
Dà una forza a tutto, che da sola non avrebbe.


Ieri sono dovuta uscire per andare al lavoro e quindi ne ho approfittato per allungarmi a fare un po' di spesa di sostentamento (pasta, pane, verdure, biscotti) e un giro nel negozio di prodotti per il corpo, che ha ancora dei saldi pazzeschi.
E' il negozio dove ho preso quella crema per il viso meravigliosa, di cui ho parlato in un post, tempo fa, che ad oggi è quasi finita.
Ho trovato dei sieri fantastici e, neanche a dirlo, li ho presi.
Ad ogni prodotto il "ma se ne prendi un altro hai il 50%" mi ha fatto entrare in un tunnel di dipendenza da malata di mente.
Sono uscita fuori dal negozio piena di profumi vari (uno di questi davvero buono, lo passerò a prendere alla prossima spesa di sostentamento che mi porterà fuori casa), e creme e sieri.
Suppongo che quando i prodotti torneranno a prezzo pieno diventerà antieconomico comprarli, anche se sono validi.

Il profumo del siero sul viso è l'unica cosa che oggi mi ricorda che sono un essere umano e non una mente piegata beceramente allo studio.

Torno ai libri.
Mi occorre un caffè.






martedì 26 settembre 2017

QUANDO I FURBI CASCANO MALE



C'è una persona che, sotto promessa di un prestigioso posto di lavoro, si è prestata a fare una porcheria stratosferica.
A me, nello specifico.
Ci era quasi riuscita, ma non ci è riuscita.
Nessuno è più tenace di me.

Il posto, comunque, avendo sortito un apparente accenno di risultato, sembrava averlo già in tasca.
Si era già diffusa la voce che lo avesse ottenuto, con enorme sorpresa e disapprovazione da parte di chi conosceva come ci era arrivata.
Il suo culo era già seduto su quella sedia d'oro, e lei gongolava.

Una manciata di minuti fa, vengo a sapere che il posto, dopo averle fatto credere di averlo ottenuto, le è stato letteralmente sfilato da sotto ed assegnato ad un altro.
Questa persona è dunque tornata al precedente lavoro, con la differenza che adesso la stanno trattando da serva qual è.

Ciò che ha fatto, in che termini, e per aspirare a cosa, e con quanta insistenza e cattiveria, credo siano diventati di dominio pubblico (e non per causa mia, essendosi bruciata da sola con la propria cerchia di conoscenze, con cui si è fatta, noncurante, terra bruciata, sicura di avere fatto una grandiosa scalata sociale e di non doversi mai più voltare indietro).

In tutta questa vicenda, la parte lesa sono stata io, vittima dell'idiozia e della cattiveria d'altri, che senza scrupoli cercano di raggiungere i propri obiettivi ballando sul mio cadavere.

Peccato che io non fossi morta.

E, per quanto me ne senta in colpa, perché è come se nell'animo mi facessi corrompere dal sudiciume altrui, non riesco a fare a meno di essere contenta che chi mi ha fatto tanto del male si ritrovi oggi, e meritatamente, in condizioni di disagio.

E mi sembra anche poco, se torno al dolore ed alle sofferenze ignobili che mi sono stati cagionati.




lunedì 25 settembre 2017

EFF


Studiava di notte, dopo avere equamente distribuito le proprie energie giornaliere tra lavoro, figli, marito, nipoti.
E ospiti vari, tra cui la sottoscritta, cui riservava colazioni deliziose e regalini preziosi.
Studiava per fare carriera, perché, nonostante tutto, non aveva raggiunto il massimo, ancora.

E penso a lei e al suo impegno.
A quanto non debba essere da meno.

Non voglio cedere alla stanchezza e nemmeno allo sconforto.

Sto caricando con forza su un piede per spingere avanti un altro passo.

DI ORDINARIE GIORNATE DI LAVORO



Ormai le ore che passo a dormire sono talmente poche che non le conto più.
Mi sono alzata all'alba, dopo una notte quasi del tutto insonne, per andare stamattina presto in stazione ad accompagnarlo.
È partito.
Ci sono attività cui entrambi siamo dediti, ed impegni inderogabili, mentre restiamo a cavallo di un mondo che tenta costantemente di disarcionarci.
Sono tornata a casa da un po', e dovrei passare lo smalto e un filo di trucco sul viso, e andare a lavoro tra una ventina di minuti.
Devo guidare, e so già che ascolterò la radio per distrarmi, e canterò, e mi verrà da piangere, e questo implica dovermi portare dietro una pochette con il trucco per ricoprire di colore i solchi che scavano sul viso e intorno agli occhi le lacrime.
Sono diventata sentimentale come non mi sono mai concessa di essere.

Rientrerò da lavoro, più tardi, e dovrò continuare a lavorare.
E studiare.
Studiare tanto e bene.

L'ansia è tale che mi prende allo stomaco, e mi viene da rimettere.

E non serve a nulla, sono energie sprecate, ne sono cosciente, ma sono un essere umano, con i suoi evidenti limiti.

sabato 23 settembre 2017

NON RIPOSO CHE UN PO' PER VOLTA


Ho timore di non riuscire.
Rifletto sul da fare e su come organizzarlo, e mi domando in che termini debbo spuntarla.
Debbo prepararmi ad essere impeccabile, e smaltire un po' di stanchezza.
E soprattutto la seconda parte mi risulta difficile.

venerdì 22 settembre 2017

GLI ERRORI



Ne ho fatti, di errori.
Ne ho fatti anche abbastanza.
Al di là di ogni impegno, della volontà piegata e sottomessa al raggiungimento del fine.

Mi sono riempita di brufoli il viso.
Non taglio i capelli da un po'.
Quel poco di abbronzatura estiva è già declinata al pallore invernale.

Ho contenuto il lavoro e la vita per dedicarmi a questo fottutissimo studio.

Giorno e notte.

Perchè volevo farcela, perchè dovevo, perchè è un obiettivo grande.

Come lo sono sempre gli obiettivi che ci si prefigge.

Ed il primo passo è mosso.

Nonostante gli errori, la punta di un piede è dentro.

Adesso comincia la prova di studio vera.

E di nuovo conterrò nei limiti vitali la vita, il lavoro e tutto il resto.

Tutto, per un po', sarà secondario rispetto al'obiettivo prioritario.

Fin qui è andata.

E devo studiare e confidare che l'esito dia conforto a tutti questi sacrifici, affinchè sia certo che non siano stati inutilmente fatti.


sabato 16 settembre 2017

STUDIO E PREPARO DA MANGIARE



Non faccio molto altro, ultimamente.
Infilo cose nel forno, di modo che si cucinino da sole, e non mi impegnino ai fornelli, per non sottrarmi tempo utile.
Sono agli sgoccioli.

Studio e preparo da mangiare.
L'essenziale è visibilissimo agli occhi, stavolta.
E' davanti a loro, disteso nella quotidianità, abbarbicato ai caffè a letto la mattina, nei pranzetti graziosi, e nelle cene a lume di candela fuori al balcone.
L'essenziale è un micio che scala le sedie della cucina, e si infila nella cantinetta dei vini, e annusa i profumi di tutte le piante, mentre rincorre i giocattoli disseminati per casa, o si appisola sulle mie gambe incrociate mentre studio.

Non è la stessa persona che studiava.
Non è lo stesso gatto.
Nemmeno i sentimenti sono gli stessi.
Non è la stessa stanza: la lampada, i muri, la vista fuori dalla finestra, ogni dettaglio rinvia ad una vita diversa, quella attuale.

Tutto è diverso, ma tutto ugualmente intenso.
Tutto ugualmente memorabile.
L'essenziale è così visibile agli occhi, quando si offre alla vista.
Così visibile che è quasi incredibile crederci.






venerdì 15 settembre 2017

TRA IL LAVORO E IL MARE


Sono rientrata da lavoro in tarda mattinata, e l'ho raggiunto al mare per un caffè.

Le temperature sono gradevoli, il sole è caldo, il rumore delle onde raggiunge il tavolino dove siamo seduti.

Un paio di tavoli più in là, una donna molto truccata mi fissa, mentre parla con l'altra girata di spalle.

Lui, seduto di fianco a me, è bello, anche se stanco e pensieroso.

Terminato il caffè, ci alziamo per raggiungere l'auto e rientrare a casa.

Mi sento osservata, in modo sgradevole, mentre andiamo via.

Con odio.

Gli chiedo se è successo qualcosa.

E la risposta è sempre la stessa.

Le solite cose.

Le due tipe sedute al tavolino hanno cercato di approcciarlo e lui le ha snobbate.

Ogni volta che scende da solo al mare, o va a fare la spesa, ogni volta, mi rendiconta questi fatti.

È davvero sconcertante.



Tra il lavoro e il mare, comunque, ha vinto lo studio.
Sono rientrata a casa, dove passerò il resto del week end rinchiusa a studiare.


giovedì 14 settembre 2017

TETTE E PUPAZZI



C'è questa ragazza con cui ho amicizia su fb (perché me la chiese quando agganciò uno dei miei amici) che ha una foto profilo per ogni giorno dell'anno, da che ha aperto il profilo.

Ovunque vada, la sua faccia e le sue tette (l'una molto coperta di trucco e piallata dai meravigliosi strumenti del fotoritocco, le altre sempre molto scoperte) campeggiano davanti a spiagge, monumenti, meraviglie dell'architettura o dell'arte, cui solo pare interessata in quanto sfondo da piazzare dietro se stessa.

Ne scrivo perché ho appena intravisto una delle foto quotidiane, con lei e un pupazzo grosso quanto lei, in una posa decisamente adolescenziale, il tutto accompagnato da una didascalia di pari tenore.

Potrebbe aprire un canale chiamato "tette&pupazzi" e inserirlo in qualche circuito a tema.

Secondo me farebbe i soldi.

E gratificherebbe se stessa, dando concretizzazione ad aspirazioni che cerca forse di nascondere a se stessa e agli altri, ma che escono sfacciatamente fuori.

Ha un'obiettiva vocazione per il porno.

Naturalmente non sta a me dirle questa cosa.

Che davvero e non mi spiego come non la induca a seguire la strada che più le si addice, rinunciando ad ostinarsi in qualcosa che non fa per lei.









GLI SPLENDIDI E GLI SPACCONI


C'era questa tizia che frequentava un master che frequentavo anche io, già allora con una boria incredibile.

Una boria sostenuta da ben poche qualità e capacità, ma da tanti soldi, tanto tempo libero, e tanto appoggio.

Questa tizia sta studiando come me, per lo stesso obiettivo, in questo momento.

E se ne è uscita trionfalmente con un'affermazione, che riguarderebbe le sue spiccate qualità linguistiche.

Mi è scappato da ridere.

E' altamente probabile che lei, che non lavora e gode di ampi sostegni, passi questa ardua prova, e che io, che mi arrabatto tra mille cose, non riesca.


C'è un altro tizio, che si sofferma a pubblicare post splendidi, illustrando tutte le attività all'aria aperta cui si dedica durante la giornata.

Esce fuori, ad un soffio dalla fine, che è già ampiamente qualificato, e già fa parte di questo settore, in un certo modo, per il quale è stato in precedenza "selezionato".

L'uso del termine non mi appare casuale, ma io, che anche con le parole lavoro, riconosco che per deformazione tendo a montare e disfare congetture che raramente non corrispondono a realtà.

La mia impressione è che tanta onvinzione sia sorretta da qualcosa di più che la boria.



Noialtri siamo quelli che studiano senza pezze d'appoggio, mentre tengono in piedi altre cose.
Ed è un gran casino.
Soprattutto perchè certi giorni viene voglia di mollare tutto, di mollare questo paese e ricominciare altrove, dove non c'è il clima che c'è qui, non c'è la dolcezza del mediterraneo, non c'è il preziosissimo cibo che alza sensibilmente la qualità della vita, che è anche e decisamente più costosa.
Decidersi è difficile.

mercoledì 13 settembre 2017

LA PRIMA COPERTA


E niente.
E' il 13 di settembre, ed io ho messo la coperta di cotone color carta da zucchero sul letto.
Fa freddo, e detesto che questa estate sia trascorsa così, nell'effervescenza del cambiamento, dei suoi stress e assestamenti burrascosi, nel lavoro e nei lavori, e nello studio.
Detesto avere la pila di libri sul mobile con lo specchio, e non avere avuto un attimo per finire di leggere quelli iniziati, e per cominciare altri che mi interessano.

Casa ha preso una forma diversa.
E' sempre in costruzione, ma apparentemente completa.
Vibrante.

Il passo che seguirà la coperta, non spero a breve, sarà quello che mi porterà ad approvvigionarmi di legna per il camino.

Che va bene i termosifoni, ma il camino accenderebbe pure il cuore dei pupazzi di neve.


MA IO HO FAME



Le matite e gli evidenziatori colorati rotolano tra le briciole, sul tavolo della cucina, vicino ai fogli, esattamente dove si posano gli occhi, dopo avere girovagato, stanchi e svogliati, lungo i muri e l'orologio sulla parete.

Le briciole sono quelle del pane ai cereali, che ha fatto da sfondo a quel salamino che si chiama "ungheretto" (che è una delizia, che solo a scriverne mi viene di nuovo fame), e che insieme, poco fa, sono stati il mio piccolo aperitivo serale (o cena? Ancora non si è ben capito...) insieme alla birretta, prima di riprendere a studiare, dopo essermi distolta per dedicarmi al lavoro.

"Non ce la faccio più" e "ma io ho fame (il che include pure la sete)", insieme a "cazzo, devo pure spicciarmi a lavorare", sono i tre pilastri su cui barcolla la tenacia sulla quale faccio affidamento per lo studio.

Qualcuno dorme bellamente vicino la chitarra, e non sono io.

Che non dormo molto da oltre un mese.

E dovrei dormire, oltre che mangiare di più e più regolarmente.

Ho cercato di tamponare questo smangiucchiare randomico, che stava prendendo il sopravvento, imponendo ritmi rigidi per pranzo e cena.

Oggi ho preparato una simil-calamarata con dei totanetti presi freschi in pescheria.

Che poi per pulirli è stata una fatica.

Anzi peggio.

Un film horror in presa diretta.

I totanetti, per quanto piccoli, mangiano l'inverosimile.

Soprattutto gamberi e pescetti.

Gamberi e pescetti pure più grossi di loro.

Come diamine fanno?

Un film horror pulirli, giuro.

Che però non mi ha tolto la fame.

E che l'ha fatta venire anche a chi "io oggi la pasta non la voglio", che ha tradotto i propri buoni propositi in un piatto pulito dalla scarpetta.






lunedì 11 settembre 2017

DOV'È IL TELEFONO?


Lo perdo tutti i giorni.

Solo che poco fa ho tolto le lenzuola al letto per lavarle, e ho sentito un rumore provenire dalla lavatrice...

Ebbene no.

Non è il telefono.

L'ho trovato.

In compenso, ho perso il caricabatterie del telefono, che si sta sciacquando in mezzo alle lenzuola.

Questi giorni potrei palleggiare la testa contro il muro: rimbalzerebbe senza colpo ferire.

Anche l'idea di fare il letto alle 19.09 mi angoscia.

Per tamponare questo sentimento sgradevole, mi sono fatta un piccolo aperitivo in solitaria con crostini maionese e acciughe innaffiati da una tennent's.

Che è appena finita.

E, come direbbe il buon Pino, se fosse ancora in vita: "ma io ho sete, ho sete ancoooraaa, sete ancora...".

Il mio stato non assume i contorni dell'ubriachezza molesta perché non ho varcato la porta di casa e sono sola nella stanza. Credo. Potrei non esserne sicura.
Nel dubbio, c'è un'altra tennent's a rinfrescarsi nel frigo...



DIFFICILE


Non vorrei lamentarmi di quanto è difficile.
Non l'ho fatto fino ad ora.
Mi ci sono messa d'impegno per ore e giorni che sono diventati mesi.
E' dannatamente difficile.
Tutto.

E impegno energie in mille cose, ma su certi giorni - come oggi - pende la scure dell'angoscia.

Quella sensazione terrificante che dentro ti fa dire: "non ce la faccio".

E l'ostinazione che vi si contrappone, che urla invece: "ce la devo fare!".

Ed io ce la voglio anche fare.
Perchè lo desidero.
Lo desidero con ampi margini di certezza.

E l'idea di non farcela mi angoscia.

Torno alle mie occupazioni, anche oggi.
Mangio il giusto, ma anche se non mi sto muovendo, sto dimagrendo spaventosamente.
Dormo poco, e non riesco a non svegliarmi nel cuore della notte, ogni notte.
Studio, e spremo le meningi, e organizzo lavoro e incontri.

Mi sono concessa tre ore per vedere un'amica, sabato, e fare un po' di shopping, e scambiare due chiacchiere.
Tre ore, questo è quanto.
Sono giorni di studio ininterrotto, e mi stancano, questi ritmi.
Tengo duro per l'obiettivo finale, che se non è questo deve essere uno affine.
Se non oggi, domani.
Se non domani, dopodomani.
In una tensione ideale che mai ho messo da parte.



venerdì 8 settembre 2017

LE COSE CHE HO VISSUTO PRIMA INVECE CHE DOPO



A volte mi domando se non sia una sorta di vita a ritroso, questa che vivo.

Se tutto quello di cui disponevo, e ho perso (senza guadagnarmelo, e senza essere la causa della sua perdita) non corrisponda integralmente ad altra vita.

Se non dovevo rimetterci io, la vita, fuori quel negozio, quando l'ubriaco a bordo dell'auto di grossa cilindrata sbandò, andando a finire in mezzo alla folla sul marciapiede.

A me arrivò solo l'onda d'urto, nel negozio di fronte, ma un minuto prima ero lì, su quel marciapiede a guardare le vetrine illuminate dei bei negozi del centro.

Chissà che stai facendo, cosa è andato storto, se è stata solo nostalgia, o l'intreccio di fili che si tendono, che assumono vita autonoma fino a finirci intrappolati...

Una rete che assomiglia a quelle di salvataggio poste sotto le giravolte aeree dei trapezisti, e nel contempo a quelle dei ragni, dove restano intrappolatre le mosche.

Siamo mosche, noi?

Insetti dalla vita breve ma intensa?

Volteggiamo sulla merda, combattuti tra la repulsione e la sopravvivenza?




giovedì 7 settembre 2017

EGOISMI CONGENITI E D'ALTRI



Studio ancora un po', e poi mi faccio bella per uscire a fare un giro in compagnia.
Sono giornate sfiancanti, ma debbo portarle a termine al meglio.
Appena rientro, devo lavorare ad una cosa che ho tralasciato, ma cui debbo dedicarmi.
Debbo completarla entro le 9.30 di domattina.
Suppongo mi aspetti una levataccia di quelle che mi sarei evitata volentieri, ma non posso.

Oggi - o era già ieri - si è affacciato alla mente il ricordo di un egoismo d'altri, svoltolato violentemente al mio indirizzo, carico di una rabbia nei confronti di se stessi, in cui io non c'entravo nulla, se non come ipotesi irrealizzabile e irrealizzata.

Egoismi tali non li ho mai rivolti a nessuno, non li ho mai sviluppati.

L'unico egoismo che mi fagocita, in questo istante, è lo studio.

Ammetto di trascurare il resto, me stessa compresa.

Tant'è.



mercoledì 6 settembre 2017

LA RISPOSTA GIUSTA E' SEMPRE LA "A"



Studio per un concorso.
Compatibilmente con il lavoro, e con poco altro.
Tutto è accantonato.
Tutto, a parte il cibo e l'amore in senso stretto.

Non c'è posto nemmeno per il rancore, spiragli per rabbia e frustrazione.

Gli occhi si mescolano negli occhi e nei loro colori opposti e complementari, mettendo da parte un'apparente diversità e sovrapponendo i connotati delle nostre identità.

Studio, e accantono domande importanti per me stessa.
Le posticipo nel tempo, perchè spazio, adesso, non ce n'è per affrontarle.

Debbo studiare, ed è sempre una sfida avvincente, ed è sempre un'incognita, che mi piacerebbe si risolvesse in un esito positivo.

Eppure di questo non posso esserne certa, non posso confidarvi, nemmeno in modo blando, perchè detesto illudermi.

L'unica certezza è che queste chiappe stanno prendendo la forma della sedia e del letto dove resto immobile a studiare e studiare.

Anche se stasera mi piacerebbe uscire a mangiare una pizza.






martedì 5 settembre 2017

FAGOTTI EMOTIVI



Un piccolo fagotto peloso si distende, il corpicino minuscolo e lungo, sulle lenzuola stropicciate del letto.

La sua presenza riempie la stanza di energia e tenerezza.

Il vuoto è ancora lì, pieno di mancanze e ricordi e di quella sensazione appiccicaticcia di rammarico, che con il tempo ha però dissolto vagamente i suoi contorni.

Certe emozioni sono sbiadite, come l'inchiosto su un foglio di carta abbandonato alle intemperie.
E' sempre tutto lì, vergato a mano, ma meno presente, a se stesso e a me.

Si può scrivere ancora, su una pagina ormai sbiadita, quando l'inchiostro vecchio, scolorito dal tempo, è quasi scomparso?

La sensazione, per certi versi, sembra essere questa, e prescinde dalla propensione a proiettarsi verso il futuro, la trascende, come ogni nuova emozione, positiva e negativa, che mi tiene nella sua morsa stretta.

Ci sono fagotti emotivi che sembrano essersi alleggeriti.

E altri che mi sono presa in carico, mio malgrado, con lo stesso sentimento.

lunedì 4 settembre 2017

CERTE VOLTE CHE PENSO DI STARE SBAGLIANDO TUTTO



Sono le stesse volte in cui mi chiedo così tante cose da non sapere più dove mettere il punto.

Perché i punti vanno messi anche loro, ogni tanto.

La punteggiatura è importante quanto significativa.

giovedì 31 agosto 2017

GENTE CHE E' RIMASTA COLPITA



Dopo aver scritto su fb che era rimasta colpita e le restanti boiate, lui ha disattivato l'account, per non dare ulteriore adito (sebbene non ne avesse comunque dato), e perchè si è scocciato delle donnicciole locali che si offrono con facilità agli sconociuti, stalkerizzandoli sui social.

L'altra sera, verso le 21.00, gli arriva una telefonata.
Lo sento che chiede insistentemente "ma lei chi è?", fino ad attaccare.

Sempre lei.
Non si sa come ha reperito il numero di telefono.
"Sono rimasta molto colpita", è quello che ha detto prima che le venisse attaccato il telefono in faccia.
Ed è ormai evidente che un colpo in testa, questa poverina, l'ha preso per davvero, e che non sta bene.






domenica 27 agosto 2017

ANCORA AD OCCHI CHIUSI



"Non mi hai fatto la crostata con i fichi per colazione...", mi dice, la bocca impastata di sonno, gli occhi ancora chiusi.

Non potrei trovarlo più adorabile, al mattino.

Anche se appena un giorno fa ci siamo letteralmente scannati.

E sembrava tutto perduto.


Siamo rientrati tardi, ieri sera, e stanchi.
La marmellata di fichi è in frigo, insieme ai panetti di burro per la crostata.
I fichi freschi, invece, li abbiamo mangiati.
Anche i fichi d'india sono finiti.
In questa casa, più che le formiche, ci sono le cavallette.

venerdì 25 agosto 2017

CONVIVENZE, FORMICHE E MANOSCRITTI



Convivere significa mangiare e dormire insieme.
Significa pure condividere cose non materiali.
Soprattutto queste ultime.
Convivere significa uno sbriciolamento di biscotti ovunque, dal piano della cucina, al tavolo, al pavimento, al lavello, al tappetino del bagno, alle lenzuola.
Le briciole attraggono formiche, che scorazzano ormai liberamente in cucina, indisturbate per buona parte del tempo, chè nemmeno le vedo certe volte.
E certe volte che le vedo, penso che devono campare pure loro e che in fondo non fanno del male a nessuno.
E che mi fa quasi tenerezza, vederle in fila, ad accaparrarsi il surplus di cibo dove prima ce n'era solo per me, e non avanzava nulla.

Convivere significa accapigliarsi anche in modo furioso, talvolta.
In questa casa non volava una mosca, prima che arrivasse lui.
Non sono mancate valigie trascinate vicino la porta.
Non si sa quanto dura, mentre facciamo di tutto per farla durare.
Ci consumiamo, in questo tentativo, ci surriscaldiamo, bruciamo.
Eppure, per qualche strano sortilegio, nulla si consuma mai per davvero.
Tutto, anzi, moltiplica.
Si amplifica.
Cresce, contrastando la forza distruttrice congenita di meccanismi marci da estirpare.
Resiste, nonostante tutto e tutti.
Nonostante noi, anche.
Ci sopravvive.
E vogliamo anche sopravviverle, in questa tensione che ci assorbe e ci consuma, mentre ci nutre.


Avevo scritto di una piccola pubblicazione, tempo fa.
Nulla di rilevante, davvero.
Ebbene, ho ricevuto da qualche giorno una mail dalla casa editrice.
Mi hanno scritto che valuterebbero volentieri un mio manoscritto, se ne avessi.

Ed io, al momento, non ne ho.
Non per iscritto, salvo bozze davvero inconsistenti.
Nella mente ho costruito mille percorsi e scritto mille libri sulle ipotesi avveratesi o meno, nella mia vita, e in ciò che ho scorto nelle vite degli altri, quelle che più di tutte mi sono passate di fianco.
Ci sono i percorsi della fantasia, altrettanto stimolanti.
E mi domando se non sia il caso di mettermi davanti al pc e buttar giù tutto, così come viene, imprimendo a fuoco vivo tutto ciò che serbo gelosamente per me.




lunedì 21 agosto 2017

IL FICO



Eravamo scesi sul mare a fare una passeggiata serale, e mi ha portata su un tratto in cui, da un fazzoletto di terra, spuntava una pianta di fico carica di frutti, riversa verso la strada.

Ha colto dei fichi maturi e li abbiamo mangiati rientrando a casa.

Il profumo delle piante di fico, l'estetica corposa e armoniosa delle foglie, e il nettare dei frutti, rendono questa pianta appetitosa per tutti i sensi.

E quindi abbiamo discusso di comprarne una, ma al vivaio le avevano finite.

E allora ho chiesto alla maestra del pollice verde, figlia d'arte di uno dei migliori potatori e artisti dell'innesto, come dovessi fare per mettere la pianta di fico a casa: mia madre.

La quale ha risposto: "prende per talea. Fai un bel ramo robusto".



Stasera sono scesa al mare, e la pianta di fico non c'è più.
Non si capisce se l'abbiano rubata o tagliata.
In compenso ci sono le piante piccine che sono cresciute sotto, e ho cercato di fare un ramo, ma è venuto via per intero, da terra, con tutte le radici.
E me lo sono portato a casa, e ho riempito un vado di terriccio nuovo, e l'ho piantato, anche se è un po' spezzato da un lato, e l'ho sorretto con dei bastoncini lunghi di legno.

"Guarda cosa ho portato a casa!!!", gli ho detto, quando mi ha aperto la porta.

Gli ho pure detto che la pianta di fico, d'ora in poi, si chiamerà come lui.
Che è bello e dolcissimo come i fichi, salvo quando mi fa incazzare.

Incrocio le dita, spero non finisca di spezzarsi, e che cresca, fino a diventare una pianta gigantesca e carica di frutti.









mercoledì 16 agosto 2017

E MI ACCOMPAGNI A PRENDERE IL TRENO



Passato ferragosto in mezzo a fenicotteri rosa e scintillanti serate, nei soliti locali, con la solita musica e le solite foto piazzate sui social, qualcuno, senza nemmeno preoccuparsi di affrontare dignitosamente la bugia svelata, mi ha contattato, poco fa, per dirmi che posso passare domani per la visita.

"E mi accompagni a prendere il treno quando finiamo, dal paese X, perché sono senza macchina e devo partire", aggiunge.

La richiesta, senza punto interrogativo, equivale ad una pretesa.



Ho risposto con estremo garbo e distacco che ieri siamo andati in clinica e abbiamo risolto.
Suppongo che adesso sarà un disagio trovare qualcuno per un passaggio sino in stazione, se io ero la sua ultima risorsa.

martedì 15 agosto 2017

GENTE CHE ABITA QUESTA TERRA CHE IO STESSA ABITO



Urgenza veterinaria, fisso un appuntamento con un'amica per ieri mattina.
L'urgenza, come la stessa parola significa, non ammette di essere rinviata nel tempo.
La chiamo un'ora prima dell'appuntamento, per chiederle se possiamo posticipare al pomeriggio, perché ho avuto un imprevisto.
Mi dice che non è possibile, perché deve partire.
Le dico che allora non importa, che faccio i salti mortali per arrivare all'appuntamento come fissato.
Mi dice che in effetti è un po' complicato anche la mattina, che ha molto da fare.
Che potevamo vederci tranquillamente lunedì prossimo.
Le ho chiesto se fosse sicura.

Certo, mi ha risposto, disdicendo all'ultimo momento l'impegno preso.



Vedo la sera su fb che, lungi dal partire, è stata qui al mare tutto il giorno, tra fenicotteri rosa gonfiabili, formato ciambella da mare, e la sera in un noto locale con altri amici.
La vita di ciascuno è sacrosanta, così come le ferie, e non occorre inventarsi bugie, per preservarle.
Basta essere onesti, dire "è la vigilia di ferragosto, non ho voglia di lavorare", e passare l'urgenza ad un collega fidato, invece di rinviare per non perdere la possibilità della prestazione.

Nel pesare tra il lucro che sarebbe derivato dalla visita posticipata per non perdere il ferragosto e non passare la palla ad un collega, e la possibilità che la salute dell'animale fosse irrimediabilmente compromessa dall'aggravarsi del suo stato, lei ha preferito la prima opzione.

Trovo la scelta terrificante, e superficiali i consigli e le rassicurazioni che ha inteso darmi telefonicamente, per incentivarmi a portarglielo la settimana prossima.

Stamattina, preoccupata per le sue condizioni, ho deciso di non aspettare oltre e di portarlo in una clinica veterinaria aperta anche nei giorni festivi, e di cui ho sentito parlare molto bene.

Ho pagato esattamente il doppio di quanto avrei pagato ieri, perché oggi è Ferragosto, ma considerato che abbiamo preso appena in tempo tra le mani la questione, prima che il problema pregiudicasse irrimediabilmente e a vita la sua salute - già compromessa - non me ne lamento.

Sono molto arrabbiata con questa donna superficiale e corrotta dall'avidità, e per come ha messo a repentaglio la vita di una creatura indifesa.

Sono arrabbiata con me stessa, perché ieri le ho creduto, e ho aspettato sino ad oggi, e ho perso un giorno, mentre potevo anticipargli le cure di cui ha bisogno.




domenica 13 agosto 2017

DISCIPLINARSI



Qualcuno e qualcosa stanno disperatamente​ cercando di disciplinarmi.
Sono insofferente a qualunque tipo di gerarchia, reagisco ad ogni tipo di atto di forza, non mi piego se non rarissimamente o addirittura mai.

In questo esatto momento sono soggetta a un esercizio di disciplina specifico.
Vorrei ma non posso fare una cosa.
Il non farla, implica rispetto e misura.
E mi atterrò a questa nuova disciplina, perché mi sembra necessaria.


Mentre pigio le dita sul cellulare per scrivere, sento il dolore provocato dalle martellate sbagliate (almeno tre) che mi sono data, poco fa, per fissare un rivestimento alla parete.

Domattina devo alzarmi presto per completare tutto, e sono immancabilmente stanca.

Non ho nemmeno cenato.

Se qualcuno non ha divorato tutte le ciambelline, vado a intingerne qualcuna nella marmellata.

Mi sono appena ricordata che dovevo fare la crostata, ma è tardi, e oggi ho usato due uova delle tre rimaste, per fare la sorta di torta rustica che faccio con la pasta sfoglia, e dovrei ridurre la porzione.

Uscirebbe una crostatina, da mangiare tra oltre un'ora.

O quanto meno da alzarsi dal letto e spegnere il forno.

Ho fame.

C'è gente che urla e schiamazza, in strada, e cani che abbaiano; le macchine si muovono rapide sull'asfalto che trattiene, ancora adesso, il calore della giornata.

Ho fame sul serio, ma se vado in cucina, dopo la ciambellina, mi friggo una spinacina.

E poi un contorno non ce lo faccio vicino?

Mangerei volentieri uno spaghettino aglio, olio e peperoncino...


sabato 12 agosto 2017

SBARACCOPOLI



Se apro con partita iva un'attività parallela per tutto quello che faccio nel tempo libero nel settore della ristrutturazione e del fai da te, la chiamo così.

Manco da casa dei miei da giorni, ed oggi sono passata per pranzarci insieme.

Mia madre mi ha concesso quasi mezzo salmone, già sfilettato e pulito, quando di solito lo nasconde quando mi vede nei paraggi, o mi impone dosi minime perché magari l'ha preso per farlo marinato, oppure mi affligge con tutto quello che la tv dice su chi lo mangia crudo, con pipponi infiniti sull'abbattimento e i suoi tempi.

Mezzo salmone, di lunghezza equivalente alla distanza che corre tra la punta delle dita della mano al gomito.

Non ha fatto una piega quando ne ho preso un altro po'.

"Sai, dovresti sgomberare la tua stanza, giù. Dobbiamo fittarla", mi dice con molta nonchalance mio padre, mentre mi siedo sul divano.

"Cheeeeee?"

La pretesa è che, dopo che ho svuotato questa stanza, sistemata la parte elettrica e in muratura, e recuperati i mobili (era inagibile da anni), adesso mi trasferisca nella stanza di fianco e faccia la stessa cosa.

Naturalmente la pretesa è che occupi le ferie a fare questo.

Il ferragosto.

Quando sto ancora finendo i lavori a casa.

Io non lo so voialtri che genitori avete, ma i miei mi sollecitano peggio dei diavoli dell'inferno, con le forche in mano, le anime dannate.


giovedì 10 agosto 2017

IL PAESE IN CUI OGNUNO FA UN PO' COME CAZZO GLI PARE



In fila alla cassa del supermercato, mi chiama un'amica per ragioni di lavoro.
È urgente.
Metto la spesa sul rullo, che la trasporta sino alla trasognante commessa dalla marcata cadenza non proprio autoctona.
Attendo che mi passi le buste e che batta i prezzi, mentre una signora - una di quelle casalinghe trafelate che c'hanno i mariti zotici o i figli maschi debosciati cui devono preparare di corsa da mangiare - le consegna in mano la sua spesa, noncurante della mia sul nastro, scavalcandomi.
Osservo la scena con distacco, in silenzio, in ascolto della mia amica, finché non esordisco con "non mi meraviglia quello che mi dici. In fondo questo è un paese dove ognuno fa un po' che cazzo gli pare!".
La donna alza gli occhi, mentre la fisso con il telefono in mano.
La cassiera si sotterra.
"Oddio, mi scusi, forse le sono passata avanti! Non volevo! Non capivo cosa stesse facendo lì (al termine del rullo, dove si imbusta la spesa, in attesa che la cassiera passasse i pezzi), pensavo di esserci io!", con la coda (di paglia) tra le gambe.
Sorrido e "signora, cosa dovrei farci qui? Mi ha vista, come io ho visto lei".
Si è dileguata in un nano secondo.

Ecco, io non voglio diventare un mostro, una insensibile, una che non si fa scivolare nulla addosso, ma c'ho le palle piene delle donnine.
Le palle piene, non si fosse capito.
Ma proprio le palle che più che piene sono esplose, direi.

Il dramma di essere una donna con le palle è questo: che te le rompono.

Costa tanto chiedere, invece di fingere?
Costa tabto l'educazione?
La prepotenza gratuita va accettata senza fiatare?

COMMESSE PARTE TERZA: EBBENE SI, ANCORA LEI



Ha creato un profilo falso e gli ha scritto di nuovo, chiedendogli l'amicizia.

Dice che si sono addirittura "conosciuti" l'altro giorno al negozio, e che vuole vederlo.

Lui è molto interdetto.

Io non so se andarmi a rinfrescare un attimo al centro commerciale, con l'aria condizionata, e fare una rappresaglia al volo al negozio dove lavora 'sta baldraccona.


martedì 8 agosto 2017

COMMESSE, LA SOAP CONTINUA



La donnicciola, non contenta dello show misero che ha offerto ai nostri occhi nel negozio, ha contattato lui via fb, poco fa.
Poke e messaggio, nel quale gli diceva che era rimasta colpita e che la prossima volta sperava sarebbe andato al negozio da solo.

È stata bloccata.



Forse più che una segnalazione alla/al responsabile dello store, dovrei chiamare la derattizzazione.

FALERNO E PETITS CHÈVRES





"Nec cellis ideo contende Falernis", così recita - citando le Georgiche di Virgilio - l'etichetta di uno dei miei vini preferiti da sempre.

L'ho bevuto mentre mangiavo dei crostini di pane con i cereali, su cui ho spalmato questo delizioso formaggio di capra di una nota marca francese.

Ci sono dei sapori che, quando si mescolano, si equilibrano in modo così piacevole, che sembra quasi incredibile.

E pane, formaggio e vino, ancora oggi, mi sembra un classico irrinunciabile.


SE FOSSE UNA SOAP SI CHIAMEREBBE "COMMESSE"



Siamo andati al centro commerciale, in un negozio che ha messo dei saldi strepitosi su maglie e vestiti estivi.
Mi sono indirizzata verso il reparto donna, e mentre scorazzavo tra canottiere e vestitini, lui ogni tanto mi raggiungeva, un po' scocciato, salvo poi tornare a cercare due magliette di cotone nel reparto uomo.

Arriviamo alla cassa, e la commessa, con fare estremamente sostenuto, i capelli lunghissimi cerati in una piega perfetta, le unghie finte laccate, i tatuaggi arzigogolati che le uscivano sulle braccia scoperte, ha cominciato a scegliere e piegare con cura tutti i capi di lui.

Piegati questi, ha cominciato ad afferrare le mie canotte ed i miei vestitini, buttandoli sopra i panni di lui, a casaccio.

L'ultima canotta l'ha appallottolata e sbattuta sul resto.

Mentre batteva nervosamente le dita sulla cassa, l'ho abbracciato, notando l'occhiata furiosa che ci ha lanciato.

Il resto di 10 centesimi gliel'ha dato in 10 monetine da 1 cent.


"Da che sono entrato, quella commessa mi ha tampinato per tutto il negozio. Mi spostavo verso uno stand e mi seguiva, mettendosi a sistemare i panni accanto a me. Mi ha lanciato tutto il tempo delle occhiate terrificanti...", mi dice, mentre usciamo.



Ho riso con lui di quanto accaduto, ma onestamente comincia a scocciarmi il fatto di dovermi sempre trovare in situazioni così imbarazzanti.

Non credo che alla prossima occasione resterò in silenzio.

E sto anche riflettendo se fare una segnalazione per iscritto al negozio.

Non è modo di comportarsi, questo, ed è bene che certe donnine vengano rimesse al loro posto, e che capiscano che la confidenza che si prendono e la cafoneria che prestano a donne come me, rischiano che vengano loro sbattute in malo modo sul grugno.




lunedì 7 agosto 2017

LE LACRIME AGLI OCCHI


"Sono commosso, mi viene da piangere".
Così ha detto dopo il primo assaggio di lasagna.

Siamo rientrati da un concertino grazioso sul mare e sta mangiando quel che è avanzato della teglia di oggi, prima di mettersi a letto.
Senza nemmeno scaldarla.
Fredda.
Cioè tiepida, visto il caldo che fa.

"Non ho mai mangiato una lasagna così buona in vita mia!", continua a dirmi.



Forse ha solo fame e mi sta perculando.
Però lo ammetto: è molto credibile.
Ed oggi era visibilmente commosso.

Non lo so.
Magari mi sta solo perculando.
Però sul serio si è finito gli avanzi della lasagna di oggi in questo istante, appena rientrati a casa.

sabato 5 agosto 2017

GLI IMPREVISTI DELLE FERIE


A mente della regola aurea che prevede che io l'estate almeno qualche giorno vada in ferie, vi è sempre l'eccezione che sopravviene, fuori tempo limite, cagionata dall'imprevisto.
Un imprevisto che riguarda un'amica, per cui niente ferie.
Si lavora.

Tanto avrei lavorato lo stesso anche settimana prossima.

Lavoro intellettuale, oltre quello manuale.

Perchè ancora non ho finito nemmeno i lavori nell'appartamento, e sono sporca di pittura bianca che nemmeno con lo scrub va via.

Stasera ho preparato una cenetta leggera, e devo ancora docciarmi e farmi bella per uscire.
Sto crollando, fisicamente.
Ho mal di schiena, ed anche se non metto i tacchi, sotto il vestito di cotone lungo che striscerebbe a terra, l'idea di camminare in mezzo alla gente mi stanca di suo.
Guidare sino a raggiungere un posto più isolato è un'altra idea che, allo stato, rifuggo.

Sono stanca di essere stanca.
Anche mentalmente.
Da che apro gli occhi al mattino non ho tregua, faccio mille cose, e ancora devo farne così tante.
Così tante.


GNOCCHI AL POMODORO


"Non mangio a pranzo, oggi. Non mi sento bene. Ho un po' di nausea. E devo lavorare, non voglio interrompermi per mangiare", mi dice, con la faccia seria.

Gli ho risposto che scendevo a fare delle commissioni e che poi tornavo e cucinavo qualcosa.

Appena tornata, ho messo l'acqua sul fuoco e ho cominciato a preparare il soffritto con aglio tritato, cipolla rossa, il basilico profumatissimo che coltivo sul balcone, carota.
Ho aggiunto un po' di macinato scelto che ho comprato per fare il sugo per la lasagna di domani e ho aggiunto il sale, facendo rosolare un po'.
Ho versato la salsa di pomodoro, allungandola con un po' d'acqua.
Ho buttato un pacco di gnocchi di patate nell'acqua e ho graziosamente apparecchiato la tavola per due, nel minuto e mezzo che cuocevano, ripassandoli poi nella padella con il condimento per una manciata di minuti.

L'ho chiamato per dirgli che era pronto e si è incazzato, perché mi aveva detto che non voleva mangiare, che aveva la nausea, e il lavoro e bla bla bla.
Ha visto gli gnocchi nel piatto, entrando in cucina, e ha detto "vabbè, ne assaggio solo uno, ma non li voglio, ti avevo detto che non avrei mangiato".

Ha sollevato il primo gnocco dal piatto bianco e l'ha portato alla bocca, cambiando improvvisamente faccia.
È stato un "mmm" ad ogni boccone.
"Sono davvero buoni... Non ho mai mangiato nulla di simile. Sei davvero una cuoca eccelsa", mi ha detto.

Da oggi, ho scalzato la madre e ogni ex ed ogni ristorante nel quale è stato, guadagnando il primo posto tra i migliori cuochi che abbia mai incontrato nella sua vita.







venerdì 4 agosto 2017

E SCRIVERE



Hanno pubblicato la piccola cosa che ho scritto.
Non vi scrivo cosa nè dove, perchè l'anonimato è una cosa così bella che mi preme non rinunciarvi.
E di pubblicizzarla per le vendite non mi importa.

Ho ricevuto dei complimenti per la scrittura.
Vorrei mettere altro in cantiere, ma da mesi a questa parte ho serie difficoltà a fare un po' tutto.
Il blog resta l'unica eccezione, il mio piccolo luogo blu dove a cuore caldo riverso la mia vita per quella che è, come mi appare da dentro, mentre affaccio gli occhi sul mondo.
Ed è un mondo complicato, e pieno di complicazioni di ogni sorta, ma sempre invincibilmente bello.

C'è un sogno ricorrente e significante.
Uno di quei sogni pregni di esplorazione e di meraviglie e pure di inquietudine.
La luce e la tenebra si alternano, in spazi chiusi e aperti.
C'è un percorso paradigmatico in parte intrapreso ed in parte da intraprendere, ed io muovo passi in avanti, anche quando vengo trascinata indietro.
O semplicemente ritardata.
Quanto incide un ritardo su un punto cui si punta, comunque, ad arrivare?



LA FISSA DEL SELFIE


C'è questa "amica" (le virgolette sono giustificate dal fatto che la conosco e di tanto in tanto si esce insieme) che passa il tempo a scattarsi foto al cellulare per pubblicarle su fb.
"Facciamoci un selfie" ovunque è il suo cavallo di battaglia per occupare tempi piacevolmente morti oppure più che vivi.

Le ho detto che non ho voglia che pubblichi ogni volta che usciamo e ci vediamo le mie foto su fb.
Da sola o con lei.
Che non ho voglia che la gente sappia dove sono, con chi, a fare cose tutto il tempo.
Che non mi va di essere sbattuta in foto da altri sui social, costantemente.
Che quando e come mi va lo decido da sola, ed in questo momento non ho voglia di sovraespormi.

Certe cose voglio che restino private e ad altre non voglio nemmeno fare una foto.
Voglio ricordarle con il cuore, non con gli occhi.

Ha preteso di fare una foto insieme, al mare, e mi sono prestata.
Pensavo sarebbe rimasta tra noi.
E invece l'ha sbattuta, senza chiedermi, in mondo visione (con il pallino della privacy impostato sul mappamondo), taggandomi.
Una foto impietosa, per me, che sono dimagrita di almeno due taglie, negli ultimi mesi, e la pelle era rilassata ed io in una posa orribile.

Mi sono molto arrabbiata.

Lei, una foto insieme nella quale era appena un po' imbronciata, ha preteso che non solo non la pubblicassi su fb ma che pure la cancellassi.
Ed io non avevo nemmeno intenzione di pubblicarla, quella foto.
In ogni caso, è mia abitudine chiedere prima di farlo.
Sempre.











martedì 1 agosto 2017

RINGHIERE BIANCHE


Oggi è il primo giorno ufficiale di ferie.
Epperò qualcuno ha rotto le scatole con il lavoro, comunque.
Salvo poi ripensarci.

Nel tempo libero - cioè al rientro da lavoro e prevalmentemente la notte - ho tinteggiato le ringhiere del balcone.

Sono bianche, luminose e bellissime.

Le guardo nel loro splendore e mi gratificano.

Nonostante il cartone e la plastica che ho messo a terra per non far colare la pittura, è caduta ugualmente.

Questo mio gesto criminale, per fortuna, non è stato multato dai solerti vigili.

Ultimamente nel mio paese stanno multando tutto e tutti, e per tutto e tutti intendo i cittadini come me, quelli che si alzano la mattina per lavorare e che non rubano il pane a nessuno, non anche delinquenti e gente dedita abitualmente a cose losche di ogni sorta, che sembrano restare indisturbati, sul territorio, ad esercitare le più ampie occupazioni.

In questo mondo capovolto, dove faccio l'una di notte per completare personalmente i lavori di ristrutturazione dell'immobile, osservo la pittura colata sul marciapiede di una delle strade più trafficate del paese e mi sento un'impunita.

Una criminale impunita.

Proprio io.




domenica 30 luglio 2017

LE FRUSTRAZIONI BRUTTE DELLE DONNE



Esattamente, quale problema hanno certe donne che, scontando per una vita problemi di salute e relazionali per i quali hanno avuto la più ampia comprensione ed un debito conforto, improvvisamente trovano un uomo e prolificano, e si sentono in diritto di farsi uscire di bocca la schifosissima domanda (si, fa schifo): "E tu, quand'è che fai un figlio?".

Non è come chiedere "quando ti laurei?", domanda similare, che pure disturba molti.

La domanda in questione è scomoda perchè ci sono donne che hanno problemi di salute, e figli non ne possono avere.
Oppure non sanno se possono averne.
E ci soffrono.
Anche se non è una loro priorità avere figli.
Perchè non dipende dal fatto che studi di più o di meno, ma da un fattore biologico, dalla natura, da qualcosa che non si può contrastare se non spendendo tanti soldi, e senza alcuna garanzia di riuscita.

La cosa più odiosa e raccapricciante, è che, dopo una vita di sbattimenti, dopo esserci riuscite, proprio certe donne che hanno sofferto di questi problemi, si rivalgono nei confronti di altre che invece non possono, o non sanno se possono avere figli.

E dunque, così ho risposto all'amica d'infanzia che sorridendo mi ha posto il quesito.

"Io non so nemmeno se posso averne, di figli."

Si è scusata, ed io mi sono sentita mortificata per lei.
Io non vorrei scuse.
Vorrei solo delicatezza.




IL DA FARE



Non ho avuto un attimo per respirare.
Sono sola, e sono affollata.
Di gente, di cose da fare.

La folla, nella sua indeterminazione, con la sua carica in movimento, come un'onda, mi travolge.

Ho pianto molto e a lungo.

Sto lavorando a tanto, a tutto.

Non ho tregue di alcun genere, e mi sento sopraffatta.

Non è granchè, come stato d'animo, ne sono cosciente.

Non me lo voglio concedere.

Ho bisogno di ritrovare il mare, che è dietro l'angolo di questa casa dove devo terminare ancora dei lavori, dietro questo schermo su cui sono piegata a lavorare, dietro un rapporto in prova.

E che mi mette troppo alla prova.

Mi osservo piegata nell'atto di alzarmi, con una fatica gigantesca.








lunedì 24 luglio 2017

POCHE IDEE SEMPLICI E DISTANTI



Ed è nella solitudine che tendo la mano verso il mondo delle idee e mi sembra quasi di raggiungerlo.
Di farne parte io stessa in quanto idea.

È in quel punto esatto che le distanze si annientano, che riesco ad osservarmi da un punto di vista privilegiato, come quando ci si affaccia ad un panorama magnifico dal picco della montagna, sino a percepire ogni increspatura del mare, le scie d'argento lasciate al tramonto dalle navi, ogni nuvola che alterna ombra al sole,  sulle pianure verdeggianti.

Sono così vicina a questa manciata di idee semplici, che mi pare di averle raccolte tutte nel palmo delle mani.

Le osservo, tonde come le mele, rotolare l'una sull'altra, e urtarsi.

Le vedo mentre esplodono e svaniscono, come bolle di sapone.

Distanza e vicinanza non si contrappongono.

Semplicemente si alternano.

Ed io mi sento ogni giorno tanto più vicina, tanto più distante.

Mi estendo su nuove lunghezze, e mi ritiro come un elastico, pronto a tendersi in ogni momento sino alla massima estensione.

Io sono il mio punto fermo.

E, in questo scomodo fatto, sconto una solitudine senza pari.


giovedì 20 luglio 2017

RISVEGLIO CON L'ORZAIOLO


Sembro un mostro, quasi non riuscivo ad aprire l'occhio, stamattina.

Come fanno certe donne a svegliarsi fresche come le rose, al mattino?

A parte l'orzaiolo, le condizioni in cui mi risveglio sono atroci, sempre.

Sembra che di notte, invece di dormire, io conduca estenuanti battaglie.

Ho quattro cuscini che di notte camminano, e per trovarne uno ad occhi chiusi, ogni volta, stendo le braccia sino ai confini del letto.

È fine luglio, ormai, e come ogni anno, c'è così poco tempo e così tante cose da fare...

FERITE DI GUERRA


Qualcuno ha deciso di comprare le ostriche e portarle a casa dei miei.
Mia madre non riusciva ad aprirle, mi ha dato il coltellaccio, mi ha indicato il punto in cui dovevo fare leva per aprire, e se ne è lavata le mani.
Io, che sono ghiotta di ostriche (come di parecchia altra roba, cruda, cotta, esotica o nostrana), naturalmente mi sono fatta male.



Mi sono ferita una parte dell'indice, superficialmente.
Ne ho aperte due, però, e mangiate con estremo gusto.
Poi mi sono infilata la punta del coltello nel pollice, per fortuna senza danni permanenti.
Certo, è uscito parecchio sangue, e mi stava venendo un mancamento per l'orrore, e mi sono dovuta stendere un attimo sul divano, ponendo una tregua nella guerra per l'apertura delle ostriche.

Se vuoi l'ostrica, che è tanto buona, te la devi guadagnare, a costo di farti male.

La metafora della vita, in fin dei conti.

martedì 18 luglio 2017

COME UNA BENDA SUGLI OCCHI



Non ti consente di vedere, ma tu senti.

E quel sentire è come squarciare il fitto velo della benda.

C'è un'estetica che apprezzo, ma non mi appartiene.

Ci sono confini che ho varcato e ho trovato terre desolate.

E desolanti.

I capelli corti sono cresciuti.

Ho voglia di prendere un biglietto e sparire.

lunedì 17 luglio 2017

GENTE CHE BALLA GIANNA GIANNA, IL TRIANGOLO NO NON L'AVEVO CONSIDERATO E COME È BELLO FAR L'AMORE DA TRIESTE IN GIÙ, E SI DIVERTE



Ed io sono lì seduta che "no, non voglio ballare questa roba, non insistete", e nella testa mi parte lo stacchetto musicale della Rettore, che fa "dammi una lametta che mi taglio le vene".

Mentre sorseggio rapidamente il cocktail analcolico, osservo la ventenne mezza nuda, su cui si è appolipato un poco baldo quarantenne, molto sudato, e poco preoccupato degli sguardi altrui.
Le mette le mani sul culo, e lei lo lascia fare stringendoglisi più forte.
Lei continua a ballare come una tarantolata, con i seni che escono incontenibili dal micro top di due taglie in meno.
Cominciano ad amoreggiare focosamente, davanti a tutti, cercando di catturare anche l'attenzione di chi distoglie lo sguardo, o lo ha rivolto altrove.

C'è gente che si dimena su note che non distinguo ("sarà Baglioni o Venditti?"), gente che puzza di alcol come se bevesse ininterrottamente da sempre, altri che fanno finta di divertirsi per giustificare l'esserci, in un posto dove capito per sbaglio, per insistenza di altri.
Non ricordo dove è esattamente casa, sono obbligata a restare.

Mi annoio.

Non che ci sia mai stato un tempo in cui queste cose mi abbiano divertito: quando mi hanno trascinato in certi contesti, ero con tanti amici, ed ero molto più giovane.

La domanda che sorge spontanea è se esista ancora un'età per certe cose, o se chi persevera in certe dinamiche è immaturo, o segua semplicemente il proprio gusto.

Quando sento "gianna gianna" mi viene ormai quasi un mancamento per la nausea.

Mi annoio terribilmente.



sabato 15 luglio 2017

LA BORSA PER LE ISOLE



Nella borsa per le isole c'è:
- l'immancabile crema solare, che funge anche da idratante doposole, perché il sole picchia;
- la maschera, perché sebbene l'acqua sia limpida e ci si possa immergere a occhi aperti, comunque torna utile;
- la macchinetta fotografica subacquea, per catturare le meraviglie sommerse;
- il pareo grande e colorato, che funge da telo mare e varie altre cose;
- un foulard nero per la sera, da mettere su qualsiasi cosa, se dovesse fare fresco;
- il cappello a tesa larga, perché in spiaggia o in barca è essenziale;
- un vestito corto ed uno lungo;
- sandali bassi e versatili ai piedi, e un paio di infradito di gomma per il mare;
- una bottiglia d'acqua ed un buon libro per il viaggio in nave;
- il costume da bagno, naturalmente!

Indosso l'azzurro, il bianco e il cuio dei sandali bassi, colori con i quali, quando parto per il mare, mi sembra di essere sempre in ordine.
Sto per partire, e sento il cuore che comincia ad alleggerirsi, mentre perde il rosso di cui brilla e si colora di blu.

venerdì 14 luglio 2017

E IMPARARE A CEDERE



Insegnatemi.
Io non ne sono capace.
Spiegatemi che tecniche usate.
A quali forze fate appello, se quando cedete è perché vi viene promesso in cambio il paradiso o quanto altro.

Io non so cedere.
Ed il più delle volte significa che da niente si arriva alla catastrofe in un attimo.


IT'S A NEW DAY



Avevo proposto di farla sedere al piano.
Hanno accolto con entusiasmo l'idea e procacciato il locale con un bel pianoforte accanto ai tavoli.
Una parte degli amici stranieri facevano parte di una sorta di collettivo di artisti e amanti dell'arte.
Le ho chiesto di eseguire un pezzo di Nina.

E lei ha mosso le dita sui tasti del pianoforte, levando la voce sulla melodia incantevole.

Mi sono commossa.

È stato a dir poco toccante.

Nella sala accanto, mentre stavamo per andare via, un uomo anziano, sudamericano, in piedi al centro della sala, abbracciato alla moglie, ha intonato con la voce una canzone popolare, vibrando sapientemente la voce.
Nella sala è calato il silenzio.
Lo scroscio di applausi ha colmato lo spazio privo di parole.

E siamo usciti, verso la giornata assolata, per portare a termine il programma stabilito.

È stato un addio al nubilato splendido.

La futura sposa è splendida, e lui ha avuto una fortuna incredibile a trovare la propria metà, nel casino del mondo che infuria lì fuori, in una città dove è più facile perdersi che trovarsi.

sabato 8 luglio 2017

TRA STRANIERI



La giornata programmata è giunta al termine.
Sono in treno.
Nel mio vestito carino, con il foulard sulle spalle per ripararmi dall'aria condizionata.

Gli stranieri sono così friendly.
Così easy.
Sorridono quando ti parlano.
Se incrociano il tuo sguardo, anche se non ti conoscono, pure sorridono.
Ti danno a parlare.

Bevono.
Cacchio quanto bevono sempre.

Ti fanno domande per capire che persona sei, al di là del lavoro che fai.

Sono spontanei, poco artefatti.

Li incontrerò di nuovo tutti tra un paio di mesi.

Ho retto tutto il giorno, e adesso sono stanca.
Stanca da morire per essere stata di compagnia mentre volevo solo tornare a casa.
E adesso voglio solo tornare a casa.


venerdì 7 luglio 2017

LE PAROLE CATTIVE



Quelle che una volta estorte e una volta dette ti trafiggono come una lama.
Quelle che tutti dovremmo tenere per noi stessi, ma scappano di bocca e arrivano a destinazione e a detonazione in un attimo.

Di parole cattive sono piena.
Il peggio di me sta uscendo fuori.
Stimolato a dovere.

Non mi sono mai sentita così tesa.
Mai così nervosa.
Mai così con il mondo addosso.

Cerco di ritrovare il sorriso, ma non riesco a forzarlo nemmeno guardandomi allo specchio al mattino.
Quasi nemmeno mi guardo più.

Domattina ho un treno e una giornata di allegria al femminile che mi aspettano.
Devo indossare un gran bel vestito, un ottimo sorriso, essere di compagnia e gioiosa.
Data la compagnia, non dovrebbe essere particolarmente difficile.
Non voglio, in ogni caso, che i miei malumori cagionino fastidio ad altri.
Mi sembra che l'ombra mi si sia cucita addosso, e che assorba ogni luce.
Rifletto negatività.
E non è da me.

Ho galleggiato per un po' in acqua, ieri.
Non riuscivo a distinguere i colori e il profilo della natura circostante, non ho sentito il sale sulle labbra.
Sono uscita bagnata dall'acqua, correndo verso il telo steso sulla sabbia.
Ho sentito il sole bruciare sulla pelle, il vento rinfrescarla, la sabbia nella bocca, tra i capelli, e sotto i piedi.
Ho provato fastidio.
Insofferenza.
Come non mi capita mai, al mare.

Sono esausta.
Desidero il silenzio e la solitudine.
E invece sono immersa nella follia collettiva fino al collo.







giovedì 6 luglio 2017

SEMPRE, SOLO E IMMANCABILMENTE PROBLEMI


Certi giorni mi sembra di precipitare in un incubo.
Vorrei vendere casa, scappare lontano da qui.
Da questa gente immonda che vive parassitariamente e ignobilmente la vita.
Da questa omertà schifosa.

Mi sento così in bilico, che non sapendo a cosa afferrarmi, faccio una fatica incredibile a reggermi in piedi.

I problemi, quelli seri, non mancano mai.

E vorrei tanto che qualcuno mi alleggerisse l'esistenza.
Qualcuno che usasse i toni giusti.

E invece no.

Si è soli.
Immancabilmente.
Sempre.

Ci sono problemi.
Immancabilmente.
Sempre.

Ci sono io, le mie energie e la mia forza.
Nonostante il mal di testa.
Immancabilmente e sempre.

"Sei dimagrita tantissimo", continuano a dirmi.
Con un'aria preoccupata, talvolta.
Come se non stessi bene.
E che non stia bene è più evidente di quanto apparentemente sembri dimagrita.

Accuso l'inutilità di tutto il lavoro e l'impegno e le spese fatte.
L'inutilità dei rapporti inutili.
L'inutilità di certe scelte.
Resistere per resistere non ha senso.
Sento di non avere ancora trovato uno scopo preciso nella vita.
Me ne sono distolta tutto il tempo per sopravvivere.
Per farmi carico di ciò di cui non sono responsabile.


lunedì 3 luglio 2017

LA CREMA CHE NON T'ASPETTI



Ho sempre avuto riserve grosse come le case nei confronti delle creme per il viso di una nota marca.
Ho sempre acquistato volentieri i bagnoschiuma, per le fragranze dolci e persistenti, e perchè fondamentalmente poco aggressivi sulla pelle.
L'anno scorso ho provato per caso il campioncino di un olio per capelli e solo quest'anno ho deciso di acquistarlo.
Ha un profumo magnifico e mi lascia le punte dei capelli morbissime (sebbene li abbia ulteriormente tagliati e non abbiano bisogno di particolari cure).
Mi hanno fatto fare la scheda, da lì ho preso dei solari, e ho preso una bella borsa termica con i punti maturati.
Con la scheda mi hanno regalato questo cofanetto di benvenuto con dentro una crema per il viso prodigiosa.
Non sentivo la pelle del viso così idratata da quando hanno tolto di mezzo l'acido ialuronico di una marca che usavo (e che compravo in un tubicino per un prezzo irrisorio).
Sono tornata in negozio per comprare la crema.

Non faccio marchette, non mi va di scrivere il nome della marca, ma da che la uso, questa crema, mi sembra di avere un viso davvero "rimpolpato", per usare un termine di quelli di cui si abusa in certe pubblicità.

E nulla, volevo condividere questa scoperta, che non mi capita di frequente di trovare prodotti davvero validi.
E questo lo è!

GENTE CHE SE SPOSA



Siamo passati da un'amicizia ad una piccola e insignificante avventura nel giro di oltre un anno.
Un'avventura di quelle tardive, a fine estate inoltrata, di quelle che ci si vede senza impegno la prossima volta, che non è mai arrivata.
Per scelta mia.
Da allora ad oggi, nel mezzo, io ho conosciuto lui.
Nel mezzo, una foto profilo di coppia, di quelle in cui lei abbraccia stretto e trionfante l'uomo al proprio fianco (occorre precisare che io non ho mai avuto una foto profilo di coppia?).
Nel mezzo, un incontro fugace e fortuito durante le vacanze natalizie, il tempo di farmi chiedere perché avessi mancato l'appuntamento e di rispondere facendo spallucce.

Nel mezzo, qualcuno si è sposato con la donnina dall'aria di quella che ha vinto.

Io non ho vinto nulla.
Quello che è accaduto mentre lui era impegnato ed io libera, è successo perché lui ha disperatamente creato occasioni per evadere dalla sua asfissiante vita di coppia.
Ho ceduto dopo un annetto di tentativi e corteggiamento, perché mi piaceva, e credevo stesse chiudendo con l'altra.
Così mi aveva dato a credere.
Quando ha tergiversato, quando ho capito, mi sono defilata.
Già prima di conoscere qualcun'altro.

Non c'è bravissimo ragazzo che conosco che non abbia tradito, prima o durante il matrimonio, la propria compagna.
È solo una statistica personale, non posso estenderla al resto del mondo.
Tirando le somme (sempre su statistica personale, salvo eccezioni più uniche che rare), le donne che si sposano sono nella maggior parte quelle che, pur di sposarsi, si tengono le corna.
Che lo sappiano per esteso o facciano finta di non saperlo, riguarda solo il metodo con il quale gestiscono la rabbia per raggiungere l'obiettivo primo di indossare, almeno una volta nella vita, l'abito bianco.

Io non so quanto mi preme, nella vita, di sposarmi.
So perfettamente di star bene da sola, anzi, meravigliosamente, ma so pure quanto siano irrinunciabili i sentimenti per una persona, quanto il benessere a due gareggi a pieno titolo con quello che si raggiunge da soli.
Non credo che l'uno presupponga l'altro, o che l'uno escluda l'altro: ci può essere benessere in due mentre uno dei due non è in pace con se stesso, o vicecersa.
Quali regole vogliamo applicare al variopinto e fondamentale mondo dei sentimenti?
È il campo delle libertà più ampie che ci si possa concedere, e non ci sono contraddizioni che tengano.

"Ti voglio nella mia vita, voglio risolvere", mi scrive.
Sono seguiti mille litigi, acuiti dalla distanza.
Fraintendimenti, silenzi, parole feroci.

Ed io, posso risolvere?
Voglio risolvere?
È la paura della solitudine, a spingere l'acceleratore su certe scelte?
No.
Posso escluderlo con fermezza.
Io da sola sto da Dio.
Quanto più mi avvio da sola nel mondo, tanto più ritaglio il mio posto.
Da sola non sono mai davvero sola.
Instauro legami con facilità.
Faccio sempre quello che mi pare, come mi pare.

Quello che provo per lui, però, esiste e ha una sorta di autonomia: non vi esercito molto controllo.
Quel benessere che provo con lui, anche quando sto male, mi pare irrinunciabile.
La familiarità, intesa quale opposto di estraneità, è il tratto caratterizzante i nostri rapporti.
Più che affini, siamo emotivamente consanguinei, nei nostri sentimenti scorre lo stesso sangue color rubino.

E allora penso che vale la pena risolvere, amche se debbo cedere su alcune cose (ma non su tutto, diamine, la reciprocità è fondamentale), ma che non vale mai la pena perdere di vista se stessi.
Ammalarsi di dolore.
Affogare in mari di lacrime.
Meglio fare il morto a galla a mare, sempre, e guardare quanto immenso è il cielo sotto il quale tutti, ma proprio tutti, allo stesso modo, navighiamo a vista.






venerdì 30 giugno 2017

DA DUE A UNO



La riduzione drastica ha cominciato il suo percorso corrosivo nella mente, sino a concretizzarsi in parole amare.

Non riesco a pensare di intraprendere il percorso inverso a breve.

Comunque sia andata, comunque andrà, non ho fatto altro che vivere.

Qualcosa di più del vivere.

Ho profuso un impegno gigantesco in tutto questo, ma a volte non è sufficiente.


lunedì 26 giugno 2017

DELLA ROBOTIZZAZIONE DELL'ESSERE UMANO E DELLA MANCANZA DI OSPITALITÀ


In due giorni, sono incorsa in un treno soppresso e nel ritardo clamoroso dell'altro, che doveva portarmi nella città prossima all'aereoporto.
Giunta infine in stazione, allo sportello delle informazioni, ho chiesto quale mezzo, tra la navetta, il taxi e la metro, mi avrebbe consentito di prendere per tempo il volo.
Metro e tram, combinati insieme, con una percorrenza certa di 45 minuti.
La soluzione più economica.
Unico inconveniente, leggere speditamente i segnali, spicciarsi, e non perdersi.
Ho ricevuto risposte in spagnolo e inglese, chè va da sè che per spagnola e americana passo, in viaggio, sempre.
Ho raggiunto in un baleno la fermata del tram, precipitandomi fuori dalla metro.
Alla macchinetta posta sotto la cortissima pensilina, ho fatto il biglietto, attendendo impaziente gli 8 minuti lampeggianti sul tabellone la distanza temporale sino all'arrivo del tram.
Sono salita, obliterando il biglietto, e solo da seduta ho notato campeggiarvi sopra l'enorme cartello, sul quale hanno sentitamente scritto, a grandi lettere colorate: "non timbrare il biglietto equivale a frodare!".
Ho osservato le donne sedute compite nei vestiti aggraziati, affrontare il passaggio del tempo in una smorfia mista di sdegno e compiacimento.
La lentezza delle manovre del tram, che scivolava leggiadro sui binari curvilinei incastonati tra asfalto e prato inglese, ha cominciato a farmi salire l'ansia.
All'improvviso il segnale sonoro dell'apertura e chiusura delle porte è stato sopraffatto dalla voce meccanizzata che invitava a rimuovere l'ostacolo ivi presente.
La parola rimuovere ha continuato a ripetersi nel vagone del tram, e da dove ero seduta non capivo se ci fosse un oggetto o un corpo.
L'indifferenza silenziosa dei presenti, scocciati dall'intoppo, ma fiduciosi nella pronta rimozione, mi è sembrata degna di un film di fantascienza.
Che si potesse trattare di un corpo intero, o dell'arto di un malcapitato, o di una borsa, o di una pernacchia del vento a tanta costumatezza, a nessuno è parso importare.
L'importante è adempiere al proprio dovere di cittadino e timbrare il biglietto, salendo sul mezzo pubblico.
Sono arrivata per tempo in aereoporto, dove ho trovato file immense per varcare i controlli, e nemmeno un po' di free wifi, nemmeno una presa per caricare il cellulare.
Tutti, meccanicamente, ci siamo tolti chi la cintura, chi altre parti in metallo di cui ammobilia il corpo per uscire di casa.
La stronza ai controlli mi ha tolto la reflex dalla sua custodia, sbattendola malamente nel vassoio di plastica bianco opaco.
Lo smalto trasparente che avevo dimenticato in valigia, invece, non ha dato fastidio a nessuno.
Un'altra stronza mi ha intimato, a muso duro, di infilare i miei bagagli a mano l'uno dentro l'altro.
Eppure un tempo, almeno in aereoporto, le cose venivano chieste con garbo e con educazione.
Anche all'andata, ora che ci penso, la tipa al gate ha sclerato con me ed un'altra passeggera, indicandoci erroneamente il volo per il quale stavano imbarcando in quell'istante.
Senza contare la hostess sul volo di ritorno, che, per averle chiesto se potesse fare un po' indietro il carrello con le bibite per consentirmi di andare alla toilette, ha sorriso con arroganza al collega, dicendo, letteralmente, nella sua lingua: "è pressante questa sua esigenza...".

La mancanza assoluta di ospitalità della maggior parte di questa gente discende da fattori culturali di cui andare poco fieri.
Nella città che ho visitato, nonostante il miscuglio notevole di razze, ho notato, più che altrove, una ghettizzazione feroce, sguardi rabbiosi, distanze invalicabili.
È un porto di mare, pur non essendo propriamente una città di mare.
Alzi la testa, e vedi uno scorcio che ti fa sentire di essere precipitato, d'improvviso, nel cuore di Praga.
Ritrovi l'atmosfera festaiola dei quartieri del centro di Barcellona, e l'organizzazione del paesaggio urbano che porta alla mente Valencia.
Se non prenoti per tempo un tavolino al sole per fare colazione, ti freghi.
Tutto ha un prezzo, anche se talvolta irrisorio, e tutto va comprato.
È un posto splendido, ma nel contempo terribile.
Stimolante, ma castrante, per quella alienazione in cui la vita cittadina inevitabilmente trascina.

E forse tornerò.
Forse no.
I forse sono l'unica certezza cui posso tenermi.



























martedì 20 giugno 2017

PRIMEGGIARE



A qualcuno pare non importi altro.
Non per ciò che si conquista, a parte una discutibile gloria personale.
In sostanza, un fine che si esaurisce in se stesso.
Un contenuto che esclude il contorno, che si fa perimetro stretto di se stesso.


Il giorno che mi faccio calpestare o offendere senza fiatare da qualcuno che pensa di primeggiare su tutto e tutti, trascinandomi in una competizione, reale o virtuale che sia, deve ancora sorgere su questo pianeta.
Sui mondi paralleli che ciascuno nella propria fantasia costruisce è un altro paio di maniche: arrivo comunque sin lì a prendere per le orecchie le persone e trascinarle sul campo da gioco reale.